protopianeta nel disco protoplanetario LkCa 15

Quando si tratta di cercare pianeti appena nati che distano decine se non migliaia di anni luce, spesso non siamo troppo fortunati.

I pianeti si formano in spesse nubi di polvere e gas note come dischi protoplanetari che ruotano attorno a una stella. In quanto tale, è molto difficile osservare i giovani pianeti direttamente attraverso tutti i detriti. Invece, gli scienziati devono fare affidamento su indizi che potrebbero dedurre la presenza di un protopianeta, ma la maggior parte di questi indizi sono nella migliore delle ipotesi piuttosto circostanziali.

Ma Feng Long, un borsista post-dottorato presso il Center for Astrophysics, Harvard e Smithsonian, ha scoperto un nuovo indizio che potrebbe indicare l’esistenza di un protopianeta: materiale nei punti di Lagrange.

Passando al setaccio i dati dell’Osservatorio ALMA del Cile relativi al disco protoplanetario LkCa 15, situato a circa 518 anni luce di distanza, ha notato “un anello polveroso con due mazzi separati e luminosi di materiale che orbitano al suo interno“, ha detto Long in una dichiarazione.

Ecco come è stato scoperto

Questo arco e questo ammasso sono separati di circa 120 gradi“, ha detto. “Quel grado di separazione non si verifica solo, è importante matematicamente“.

Quell’angolo suggerisce che i materiali si trovano in due punti di Lagrange. Quando due corpi celesti sono legati gravitazionalmente, come una stella e un pianeta, ci sono cinque punti nello spazio in cui la loro gravità e il loro movimento orbitale essenzialmente si annullano a vicenda. In questi punti di Lagrange, denominati da L1 a L5, il materiale rimane fermo, essenzialmente congelato nello spazio. Sulla base dell’angolo di 120 gradi osservato tra i grappoli di materiale, Long sospetta che si trovino a L4 e L5, con un pianeta situato a 60 gradi tra di loro.

Stiamo vedendo che questo materiale non sta solo fluttuando liberamente, è stabile e ha una preferenza dove vuole essere posizionato in base alla fisica e agli oggetti coinvolti“, ha affermato Long.

L’attuale tecnologia astronomica impedisce a Long di confermare la sua ipotesi, ma sospetta che ulteriori osservazioni di LkCa 15 da ALMA potrebbero fornire ulteriori prove a sostegno. Fino ad allora, Long spera che altri utilizzino la sua tecnica di ricerca di detriti nei punti di Lagrange per trovare più potenziali protopianeti. “Spero che questo metodo possa essere ampiamente adottato in futuro“, dice.

FONTEspace
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it