ENERGIA ILLIMITATAUn’azienda creata dal MIT di Massachusetts nel 2020, Quaise Energy, ha sviluppato un metodo innovativo per ottenere energia illimitata. L’idea è ambiziosa e nessuno ci aveva mai pensato prima. Infatti, l’intenzione è quella di scavare un tunnel molto profondo in una zona ben definita della Terra.

Ma perché l’azienda vuole fare tutto ciò? L’obiettivo è quello di sfruttare l’energia geotermica, ottenendola mediante sistemi di perforazione all’avanguardia. In questo modo, si riuscirebbe a estrapolare e sfruttare questa fonte rinnovabile.

 

 

Energia illimitata: come verrà estratta l’energia geotermica

Lo scopo, come detto prima, è ambizioso. Tuttavia, se Quaise Energy dovesse raggiungere il suo scopo, l’energia a disposizione sarebbe praticamente illimitata. Ciò accade perché la geotermia non sfrutta i combustibili fossili e i rifiuti. Di conseguenza, la fonte rinnovabile sarebbe abbondante.

Sorge però una problematica non di poco conto: il buco più profondo mai scavato dall’essere umano è di 12.289 metri in venti anni di lavoro. Quaise Energy sarà all’altezza della situazione? L’azienda fa trasparire tranquillità su questo punto di vista, essendo che ha a disposizione tecnologie capaci di raggiungere in soli 100 giorni i 20 km di profondità.

In un suo report, New Atlas pensa che raggiungendo questa profondità, si potrebbe sfamare il fabbisogno energetico di quasi tutto il pianeta. Sempre secondo loro, i benefici sarebbero sfruttabili dal 95% della popolazione mondiale.

L’azienda ha da poco iniziato un crowdfunding per realizzare il suo progetto. Chi sta investendo crede tanto nel progetto: infatti, i suddetti hanno investito ben 63 milioni di dollari per incominciare i lavori centro 2 anni. L’obiettivo finale è quello di incrementare la produzione di energia pulita, in modo tale che l’azienda possa ottenere il riconoscimento di prima centrale elettrica alimentata con il calore geotermico entro il 2028.

Christian Savino
Christian, 24 anni. Appassionato di tecnologia e musica da sempre. Autore per TecnoAndroid dal 2019.