Trovato il cratere di un meteorite che ha contribuito all’estinzione dei dinosauri

I ricercatori dell’Università dell’Arizona hanno scoperto un cratere da impatto sul fondo dell’Oceano Atlantico settentrionale. La scoperta indica che altri asteroidi potrebbero aver colpito la Terra durante l’evento di estinzione che ha segnato la fine dei dinosauri.

Chiamato “cratere Nadir“, si pensa che sia stato creato da un asteroide che ha colpito la Terra nello stesso periodo in cui l’asteroide Chicxulub ha colpito la Terra al largo di quello che oggi è lo Yucatan, in Messico, causando l’estinzione dell’era Cretaceo-Paleogene.

Il cratere Nadir è stato trovato sepolto ad una profondità di 396 metri nel fondale marino a circa 402 chilometri al largo della costa della Guinea, nell’Africa occidentale, e si estende per oltre 8 chilometri di diametro. Il cratere è stato trovato utilizzando strumenti scientifici in grado di vedere in profondità nella Terra e, se confermato, verrà aggiunto ad una lista che conta altri 20 crateri da impatto confermati nell’oceano sulla Terra.

Una forza di impatto incredibile

L’asteroide che ha prodotto questo buco gigantesco era probabilmente parte di un asteroide che si è rotto in pezzi o parte di uno sciame di asteroidi di quel periodo. Le simulazioni indicano che un asteroide largo quasi 400 metri ha prodotto il cratere dopo essersi schiantato.

“Ciò avrebbe generato uno tsunami alto oltre 1 km, oltre a un terremoto di magnitudo superiore a 6,5. Sebbene sia molto più piccolo del cataclisma globale dell’impatto di Chicxulub, Nadir avrebbe contribuito in modo significativo alla devastazione locale. E se abbiamo trovato un “fratello” di Chicxulub, si apre la domanda: “ce ne sono altri?” ha detto Veronica Bray, ricercatrice presso il Lunar and Planetary Laboratory dell’Università dell’Arizona.

FONTEtweaktown
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it