IPTV e pirateria: Telegram chiude 4 canali famosissimi, multati gli utenti

Diversi problemi sono stati portati ai grandi licenziatari che si occupano delle TV a pagamento dalla pirateria. Chiaramente questo non è un mistero, ma gli utenti continuano a servirsi di tale escamotage per evitare di pagare gli abbonamenti più famosi come sono anche Sky o DAZN. Durante gli ultimi giorni però sembrerebbe che i risultati della Guardia di Finanza siano stati davvero eccezionali sotto tutti i punti di vista. Più piattaforme sarebbero state chiuse e dunque rese in accessibili a tutti coloro che fino a quel momento si erano serviti di una qualsiasi soluzione IPTV.

“Si tratta di un vero e proprio Internet Service Provider (ISP) i cui server consentivano di far funzionare diverse IPTV illegali”.

L’uso delle VPN ha contribuito alla crescita di questi servizi. Sfruttata in modo legale, una VPN è un servizio consigliatissimo e facile da usare essendo protetti in rete, e che se usato con i più noti servizi di streaming (Netflix, Amazon Prime Video) da accesso a cataloghi più vasti. NordVPN, la migliore VPN attuale, offre un ottimo servizio ed è in offerta con un prezzo scontatissimo.

 

IPTV: ancora una volta attacco della Guardia di Finanza all’illegalità, ecco cosa è successo

Sono oltre 500 mila le persone che improvvisamente potrebbero trovarsi in un mare di guai. La Guardia di Finanza infatti ha smantellato l’organizzazione CyberGroup, la quale gestiva persone in tutta Europa.

Ora gli indagati sono addirittura 20 mentre le persone beccate rischiano una multa da circa 1000€. A questo punto coloro che ancora devono comprendere il tutto, dovrebbero valutare se il gioco vale effettivamente la candela.