Centrale nucleare di Zaporizhzhya

Durante la notte sono stati segnalati pesanti bombardamenti da parte delle forze russe nella regione ucraina orientale di Donetsk, e alcuni funzionari a Kiev hanno affermato che stanno riuscendo a respingere molti degli attacchi mentre riconquistano terreno nella regione meridionale di Kherson.

Il presidente Volodymyr Zelenskiy ha dichiarato nel suo discorso notturno alla fine del 14 agosto che, nonostante il pesante e costante bombardamento delle forze russe, “Dobbiamo combattere a tutti i livelli e su tutti i fronti, rafforzare il più possibile il nostro stato, preservare la nostra unità e attrarre persino più paesi alla nostra coalizione contro la guerra. Più forte sarà l’Ucraina, più debole sarà la Russia e, quindi, meno tempo durerà questa guerra“, ha detto nel discorso, osservando che Kiev sta spingendo per nuove sanzioni contro la Russia da parte della comunità internazionale, in particolare quelle che prendono di mira la circolazione dei cittadini russi.

Per diverse settimane, l’esercito ucraino ha cercato di gettare le basi per una controffensiva per rivendicare la regione di Kherson nell’Ucraina meridionale, che confina con la Crimea ed è caduta in mano ai russi subito dopo l’invasione del 24 febbraio.

Combattimenti particolarmente pesanti si sono concentrati sul villaggio di Pisky, vicino all’aeroporto di Donetsk, secondo il ministero della Difesa britannico, che il 15 agosto ha affermato che è probabile che Mosca sia in fase di pianificazione avanzata per tenere un referendum volto a rendere la regione parte della Russia , “anche se non è chiaro se la decisione finale di procedere con la votazione sia stata ancora presa“.

Il Cremlino vedrà probabilmente il fallimento dell’esercito nell’occupare l’intera Oblast di Donetsk finora come una battuta d’arresto per i suoi obiettivi massimalisti in Ucraina“, ha affermato in una dichiarazione quotidiana su Twitter.

Paura per la centrale nucleare

Nel frattempo, la situazione della centrale nucleare di Zaporizhzhya, la più grande centrale nucleare d’Europa, continua a essere fonte di grande preoccupazione per la comunità internazionale.

Zelenskiy ha avvertito durante il fine settimana che i recenti bombardamenti all’impianto hanno aumentato la minaccia di una perdita di radiazioni.

La Russia non nega di avere truppe dislocate nello stabilimento, ma ha contestato le affermazioni di aver bombardato l’area. Invece, Mosca incolpa le forze ucraine per aver sparato proiettili di artiglieria nell’area, cosa che i funzionari di Kiev negano.

Mentre l’impianto è controllato dalla Russia, il suo personale ucraino continua a gestire le operazioni nucleari. Si trova a Enerhodar, una città conquistata dalle truppe russe all’inizio di marzo subito dopo l’invasione dell’Ucraina il 24 febbraio.

FONTEwww.rferl.org
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it