Com’è nato il simbolo delle radiazioni

La prima immagine del simbolo delle radiazioni fu coniata nel 1946 presso l’Università della California, a Berkeley. Il simbolo è stato “scarabocchiato” per la prima volta dai membri di un gruppo di ricerca guidato da Nels Garden, che ha scritto in una lettera che il simbolo “sarebbe meglio simboleggiare il grado di pericolo, il tipo di attività, ecc., ma che era semplice nel design“. I

l suo brief ha raccolto l’interesse del gruppo di ricerca ed è stato scelto un progetto definitivo “che doveva rappresentare l’attività irradiata da un atomo”.

Fu solo nel 1948 che il simbolo venne preso in considerazione per un uso più ampio, quando il Brookhaven National Laboratory (DoE, New York) richiese un “simbolo standardizzato con colori standardizzati” da utilizzare nel loro programma di sicurezza contro le radiazioni.

Il simbolo è stato aggiornato

Sorprendentemente, i primi disegni del simbolo non erano il nero e il giallo con cui siamo familiari. In effetti, la scelta dei colori è stata maggiormente discussa rispetto al simbolo stesso: il design originale con era magenta su sfondo blu. Questo sfondo blu è stato scelto perché era un colore non comune nelle aree controllate dalle radiazioni; tuttavia, l’Oak Ridge National Laboratory (DoE, Tennessee) ha standardizzato l’uso di uno sfondo giallo più tardi nel 1948.

Entro la fine degli anni ’50, questo simbolo di pericolo di radiazioni è stato implementato dall’American National Standards Institute e dal regolamento federale e il design è ancora utilizzato in gli Stati Uniti oggi.

Dopo quasi 70 anni di utilizzo, questo simbolo è certamente diventato un emblema iconico, sia all’interno che all’esterno della scienza. L’AIEA e l’ISO hanno sviluppato un nuovo simbolo di avvertenza per le radiazioni ionizzanti per le sorgenti radioattive sigillate di categoria 1, 2 e 3. Questo simbolo aggiornato fornisce una rappresentazione più intuitiva dei rischi e delle conseguenze delle radiazioni ionizzanti, che può essere universalmente compresa.

FONTEmub.eps
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it