Oggetto intestellare si schianta sulla Terra

Nel 2014, un oggetto si è schiantato nell’oceano appena al largo della costa della Papua Nuova Guinea. I dati raccolti all’epoca indicavano che il meteorite potrebbe essere solo un oggetto interstellare e, se è vero, allora è solo il terzo oggetto di questo tipo conosciuto (dopo ‘Oumuamua e Borisov) ed il primo noto ad esistere sulla Terra. Lanciare una spedizione sottomarina per trovarlo sarebbe un’impresa difficile, ma il risultato scientifico potrebbe essere enorme.

Soprannominato CNEOS 2014-01-08, si ritiene che l’oggetto interstellare candidato misurasse circa mezzo metro di larghezza e le sue origini furono riconosciute per la prima volta dall’allora studente laureato Amir Siraj e dal professore di Harvard Avi Loeb. Utilizzando i dati del catalogo relativi alla traiettoria dell’oggetto, Siraj e Loeb hanno concluso che potrebbe provenire da fuori il nostro sistema solare a causa della sua velocità eliocentrica insolitamente alta, in altre parole, si stava muovendo a velocità che suggeriscono che potrebbe non essere legato alla gravità del sole .

C’è un problema, tuttavia. I dati utilizzati per misurare l’impatto dell’oggetto con la Terra provenivano da un satellite spia del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, progettato per monitorare le attività militari terrestri.

Pertanto, i valori esatti di errore della misurazione sono un segreto accuratamente custodito: le forze armate statunitensi sono caute nel consentire alle capacità precise del loro satellite di diventare informazioni di pubblico dominio. Ma senza questi dettagli, gran parte della comunità scientifica rimane comprensibilmente riluttante a classificare ufficialmente CNEOS 2014-01-08 come un oggetto interstellare. L’articolo di Siraj e Loeb rimane quindi inedito, non avendo ancora superato la revisione paritaria.

La loro affermazione, tuttavia, è stata rafforzata nell’aprile 2022, quando il capo scienziato del comando per le operazioni spaziali della US Space Force, Joel Mozer, ha esaminato i dati classificati in questione e “ha confermato che la stima della velocità riportata alla NASA è sufficientemente accurata da indicare una traiettoria interstellare. ”

Ecco i dati sul meteorite

Gran parte del meteorite si sarebbe bruciato durante la sua discesa nell’atmosfera terrestre, probabilmente lasciando dietro di sé solo frammenti, sparsi sul fondo dell’oceano. Tuttavia, non tutte le speranze sono perse, poiché i dati di tracciamento del satellite, combinati con i dati sul vento e sulla corrente oceanica, possono fornire un’area di ricerca ragionevole di soli 10 km per 10 km.

Ancora più importante, i frammenti dovrebbero essere magnetici, quindi una nave che pesca a strascico con un grande magnete potrebbe potenzialmente raccogliere i minuscoli frammenti di meteorite dal fondo dell’oceano. Siraj e Loeb si propongono di fare proprio questo e hanno collaborato con una società di consulenza sulla tecnologia oceanica per realizzarlo.

Loeb ha parlato negli ultimi anni del potenziale per oggetti interstellari come CNEOS 2014-01-08, ‘Oumuamua e Borisov come oggetti artificiali creati dall’intelligenza extraterrestre. In qualità di capo del Progetto Galileo, la ricerca di prove della vita intelligente nell’Universo è una delle sue principali aree di ricerca.

Ma le sue affermazioni stravaganti hanno suscitato critiche da parte di alcuni dei suoi coetanei nella comunità astronomica. Nel caso di CNEOS 2014-01-08, tuttavia, Loeb non crede che si tratti di un artefatto alieno. “Questo risultato non implica che la prima meteora interstellare sia stata creata artificialmente da una civiltà tecnologica e non di origine naturale“, scrivono lui e Siraj nel loro articolo.

FONTEphys
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it