autostrada aspi colonne ricaricaLe truffe ed i pericoli per gli utenti sono purtroppo sempre dietro l’angolo ed all’ordine del giorno, purtroppo in un periodo così intenso di spostamenti in autostrada, il rischio di imbattersi nella banda degli autogrill è reale. Ma in cosa consiste la truffa?

Secondo quando raccontato da chi ha vissuto una simile esperienza, il meccanismo ruota attorno alla cosiddetta ruota bucata, i malviventi, nel mentre si accorgono che il conducente (e gli eventuali passeggeri) si è recato all’interno dell’area di sosta, si avvicinano all’autovettura e ne sgonfiano le ruote. Quando questi torna all’auto, e si accorge del problema, gli stessi malviventi si avvicinano e con la più grande gentilezza del mondo, chiedono quale fosse il problema, e si propongono per la risoluzione.

Non perdetevi i nuovi codici sconto Amazon gratis, li trovate in esclusiva assoluta sul nostro canale Telegram, con tantissime offerte da non credere.

 

Autostrada: la truffa è davvero incredibile

Il pericolo inizia proprio qui, con mosse precise e rapidissime, iniziano a rubare piccoli oggetti dall’autovettura. Nel caso in cui, ad esempio, il carico fosse ingombrante, inviterebbero il conducente a recarsi in autogrill per chiedere assistenza, lasciando l’automobile aperta ed alla loro mercé.

La stessa tecnica è stata riscontrata anche nei parcheggi dei supermercati, aree molto a rischio da sempre, non solo per la truffa appena descritta, ma anche per il furto della borsa. I consumatori sono difatti soliti poggiare la propria borsa sul sedile del passeggero, caricare la spesa, e poi depositare il carrello, senza chiudere l’auto; in questo momento entra in gioco il malvivente, che ha facile accesso all’interno, rubando tutto ciò che può. Prestate sempre la massima attenzione.

Articolo precedenteVaiolo delle scimmie: possibile quarantena, sta per arrivare già il vaccino con due dosi
Articolo successivoAmazon: le offerte top sono all’80%, Unieuro battuta dalla promo Prime
Denis Dosi
Laureato in ingegneria informatica nel lontano 2013, da sempre appassionato di scrittura e tecnologia sono riuscito a convogliare in un'unica professione le mie due più grandi passioni grazie a TecnoAndroid.