Ci vorranno quattro o cinque anni, ma a quanto pare il piano sull’innovazione digitale sta decollando nel migliore dei modi per l’Italia. Sarà un posto migliore in cui vivere secondo i vertici, i quali annunciano tramite il ministro dell’innovazione tecnologica Vittorio Colao che c’è un target ben preciso.

L’obiettivo è quello di creare una vera e propria Schengen del digitale con servizi, pagamenti e documenti accessibili tramite app e senza frontiere europee. Ci vorrà un anno e mezzo. Potenzieremo enormemente nei prossimi 6-9 mesi anche l’inserimento di documenti come la patente, accessibili con Qr code“.

Esatto, avete capito bene: la patente potrebbe essere accessibile direttamente con un QR Code dal vostro smartphone. 

 

Patente sullo smartphone ma anche tanti altri servizi grazie all’aiuto dell’applicazione IO

Colao ha fatto capire quanto possa essere importante la nota applicazione IO, sulla quale ci sono già diversi servizi attivi:

Potenzieremo enormemente nei prossimi 6-9 mesi inserendo anche altri documenti” come la patente, appunto. Per lo sviluppo di un portafoglio digitale europeo occorrerà “un anno, un anno e mezzo”, intanto “andiamo avanti a grande velocità sul binario italiano. Noi sviluppiamo il progetto italiano, il prossimo passo è farlo diventare un progetto europeo“.

Si tratta quindi di una grande soluzione che nel breve tempo potrebbe offrire a tutti un’arma in più. I servizi digitali intanto sono più che raddoppiati in poco più di un anno, e a dare un risultato in merito a tutto questo ci pensano i dati riguardanti le identità Spid attivate che sono passate da 16 milioni a 31 milioni.