Conad, Tuodì e Carrefour: chiusa una porta si apre un portone, ecco i nuovi store

Conad, Tuodì e Carrefour: chiusa una porta si apre un portone. Proprio così, i famosi supermercati nelle ultime settimane si sono visti protagonisti di una grave crisi che li ha condotti verso la chiusura. Per fortuna però dopo la tempesta esce sempre l’arcobaleno, e così è stato: le catene hanno cessato le loro attività (questo è vero), ma al loro posto si sono fatti strada dei nuovi ed interessanti store. 

Conad, Tuodì e Carrefour: le nuove aperture

A Cognento, in provincia di Modena, ha chiuso il punto vendita Conad lasciando spazio ad Intima Moda.

Carrefour invece decise cessare l’attività di alcuni punti vendita, ad oggi trasformati in store IperDem, un brand appartenente al Gruppo Romano Supermercati. A breve chiuderanno anche 106 punti vendita di cui molti lombardi e campani. “Giovani e Ambiziosi, ci piace definirci così. […] L’esperienza di questi primi 14 anni ha fatto il resto: ci ha insegnato che sono i dettagli a fare la differenza, che è la qualità dei nostri prodotti a renderci riconoscibili e che fare acquisti nei nostri supermercati deve essere per i nostri clienti un piacere. Ecco perché dagli arredi alla disposizione, dall’ampia selezione di prodotti freschi e non sino alle eccellenze più ricercate, estetica e tecnologia sono stati, negli anni, il fulcro della nostra continua ricerca, crescita e innovazione”. 

Infine la catena Tuodì: questa nel Lazio ha bloccato le attività lasciando senza lavoro 12 dipendenti del punto vendita Priscilla e altri 49 dipendenti a rischio. “Abbiamo diffidato le società interessate dall’intraprendere ulteriori azioni unilaterali non condivise”, hanno spiegato i Sindacati in una nota congiunta di Filcams Cgil Roma Lazio, Fisascat Cisl e Uiltucs UIL. In passato le voci parlavano “delle procedure di licenziamento collettivo formalizzate in data 28 marzo dalle società Pifo srl per i punti vendita di piazza Pio XI numero 20 e via Fonteiana 59/73 per un totale di 25 lavoratori. Ed inoltre dallaocietà Cala srl per un totale di 24 lavoratori che operavano nei punti vendita di Via Casalina e via Montecompatri”. 

Articolo precedenteBenzina: notizia clamorosa, arrivano i cali. Ecco i costi in autostrada
Articolo successivoEnergia illimitata: il motore elettromagnetico è la salvezza?
Melany Alteri
La scrittura rende liberi ed io amo la libertà come la fotografia, l'arte, la natura e la pace. Scrivo poesie da quando ero bambina e in ogni cosa che faccio metto cuore ed anima. Sono una perfezionista, ballerina, attrice, make up artist, e cerco la bellezza in tutto ciò che mi circonda.