Arriva Amazon Proteus

Amazon ha presentato Proteus, il primo robot di magazzino mobile completamente autonomo.

Proteus utilizza “tecnologie avanzate di sicurezza, percezione e navigazione” per camminare in sicurezza intorno ai dipendenti dell’azienda.

“E’ stato difficile incorporarlo in sicurezza nello stesso spazio utilizzato delle persone“, ha affermato la società in un post sul blog martedì. “Crediamo che Proteus cambierà le cose rimanendo intelligente, sicuro e collaborativo“.

Proteus sarà inizialmente distribuito nelle aree di movimentazione in uscita nei centri logistici e nei centri di smistamento di Amazon. L’azienda prevede di automatizzarne la gestione in tutta la sua rete di magazzini per ridurre la necessità per il personale di spostare manualmente oggetti pesanti e consentire loro di concentrarsi su altro lavoro.

Oltre a Proteus, Amazon ha condiviso uno sguardo su Cardinal, un robot che sfrutta l’intelligenza artificiale avanzata e la visione artificiale per smistare i pacchi dell’azienda.

“Cardinal riduce il rischio di lesioni dei dipendenti gestendo attività che richiedono il sollevamento e la rotazione di pacchi grandi o pesanti o l’imballaggio complicato in uno spazio ristretto“, osserva Amazon. “Con Cardinal, lo smistamento dei pacchi avviene in anticipo nel processo di spedizione, con conseguente riduzione dei tempi di elaborazione nella struttura”.

Nuovi robot in arrivo nei magazzini

Amazon sta testando un prototipo di Cardinal in grado di gestire pacchi fino a oltre 50 kg. L’azienda prevede di implementare Cardinal nei centri logistici il prossimo anno.

Ha anche mostrato il suo sistema AR ID, che sostituisce la scansione manuale dei codici a barre tramite l’intelligenza artificiale e una fotocamera che funziona a 120 fotogrammi al secondo, e il suo “sistema di stoccaggio container”, in cui un robot consegna i contenitori ai dipendenti per evitare di allungarsi, piegarsi scendere o salire le scale per recuperare oggetti.

Gli ultimi sviluppi arrivano 10 anni dopo che Amazon ha acquisito l’azienda di robotica Kiva nel 2012. Amazon, che ha più di 52.000 unità robotiche, e ha smentito qualsiasi speculazione che diceva che intendeva sostituire i suoi dipendenti umani, notando che ha aggiunto oltre un milione di posti di lavoro in tutto il mondo.

L’anno scorso, la società ha rivelato che stava testando Ernie, Bert, Kermit e Scooter, altri quattro robot da magazzino progettati per ridurre gli infortuni sul lavoro. All’epoca, l’azienda fissava l’obiettivo di ridurre del 50% gli infortuni sul lavoro registrabili entro il 2025.

FONTEmsn.com
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it