TIM saluta ufficialmente le vecchie SIM: il provider elimina un noto servizio

TIM nel corso di questo 2022 aggiornerà sempre di più la sua proposta in termini di servizi. In tal senso, per l’operatore italiano saranno determinanti le evoluzioni per il lancio della rete 5G sul territorio nazionale. La presenza del 5G sarà determinante per TIM, ma al tempo stesso porterà anche alla dismissione delle reti 3G. 

 

TIM, la sostituzione delle SIM legato all’addio della tecnologia 3G

Nelle ultime settimane, TIM ha lanciato segnali inequivocabili sull’imminente addio delle reti 3G. Il gestore, in tal senso, ha inviato delle comunicazioni urgenti a tutti i clienti che hanno una SIM con capacità minore di 128k. A questi clienti è ora intimato di modificare la loro SIM con schede aggiornate. La sostituzione della SIM può essere effettuata presso uno degli store ufficiali di TIM ed ha un costo pari a 15 euro. 

I clienti che effettuano la sostituzione riceveranno una SIM dalla capacità superiore a 128k. Queste schede aggiornate saranno necessarie per effettuare la navigazione con le connessioni 4G e 5G. Il costo sostenuto per il cambio della scheda sarà rimborsato da TIM sotto forma di credito residuo. I clienti che si impegnano nel cambio della SIM riceveranno anche consumi illimitati per le chiamate voce per un mese.

Gli abbonati di TIM che non cambieranno la loro SIM, invece, a partire dal prossimo mese di Aprile non avranno più la possibilità di beneficiare dei servizi di rete. Allo stato attuale, il provvedimento del gestore italiano non prevede alcun genere di operazione per chi ha schede con capacità pari a 128k.