La scarsità globale delle componenti per qualsiasi dispositivo elettronico non è solo un problema quando si acquista il nuovo: anche le riparazioni possono subire ritardi per via di pezzi mancanti.

Nel tentativo di rendere il problema meno incisivo, Apple permette adesso ai clienti di riportarsi a casa il MacBook nel caso in cui la riparazione tardi ad essere ultimata per assenza del pezzo da sostituire.

 

Apple MacBook: riparazioni in stallo

Una volta che la parte mancante arriva al centro assistenza, i clienti potranno riportare in negozio il dispositivo per completare la riparazione. Nel caso in cui un cliente riporti il proprio dispositivo a casa, verrà informato quando il prezzo di ricambio è disponibile e avrà così cinque giorni per restituire il dispositivo al centro assistenza, prima che la riparazione venga annullata.

La nuova politica è disponibile in alcune località e spetta al centro assistenza stabilire se un cliente è idoneo a riportare il proprio dispositivo a casa in attesa delle parti di riparazione, come segnala MacRumors. Logicamente, questo vale solo per i clienti con dispositivi funzionanti, o comunque utilizzabile. Sarebbe inutile, infatti, riportare a casa un Macbook che non può essere in alcun modo utilizzato.

Apple ha affrontato sfide importanti relative alla carenza di componenti della catena di approvvigionamento, che hanno avuto un impatto su iPhone e Mac negli ultimi mesi. Secondo fonti riportate dal sito web statunitense, le parti di riparazione per MacBook Pro, come il display MacBook Pro da 16 pollici, stanno attualmente impiegando fino a due mesi per arrivare in alcune regioni. Non ci resta che attendere e sperare che la situazioni migliori.

Avatar
Sono Veronica, ho 25 anni e vivo sul Lago di Como, più precisamente a Mandello del Lario, conosciuto soprattutto per la Moto Guzzi. Amo scrivere e condividere con voi tutte le novità del giorno.