cina alieni

La Cina ha affermato che il telescopio Sky Eye potrebbe aver raccolto segni di civiltà aliene, secondo un rapporto del Science and Technology Daily, sostenuto dallo stato, che poi sembrava aver cancellato il rapporto e i post sulla scoperta.

I segnali elettromagnetici a banda stretta rilevati da Sky Eye, il più grande radiotelescopio del mondo, differiscono da quelli catturati in precedenza e il team li sta studiando ulteriormente, afferma il rapporto, citando Zhang Tonjie, scienziato capo di un team di ricerca sulla civiltà extraterrestre che ha collaborato fondata dalla Beijing Normal University, dall’Osservatorio astronomico nazionale dell’Accademia cinese delle scienze e dall’Università della California, Berkeley.

Non è chiaro perché il rapporto sia stato apparentemente rimosso dal sito web del Science and Technology Daily, il quotidiano ufficiale del ministero cinese della scienza e della tecnologia, anche se la notizia aveva già iniziato a fare tendenza sul social network Weibo ed era stata ripresa da altri media, compresi quelli statali.

Non è stato il primo segnale

Nel settembre 2020, Sky Eye, che si trova nella provincia sud-occidentale della Cina di Guizhou e ha un diametro di 500 metri, ha lanciato ufficialmente la ricerca della vita extraterrestre. Secondo il rapporto, il team ha rilevato due serie di segnali sospetti nel 2020 durante l’elaborazione dei dati raccolti nel 2019 e ha trovato un altro segnale sospetto nel 2022, estrapolato dai dati di osservazione degli esopianeti.

Lo Sky Eye cinese è estremamente sensibile nella banda radio a bassa frequenza e svolge un ruolo fondamentale nella ricerca di civiltà aliene, secondo quanto riferito da Zhang.

I segnali sospetti potrebbero, tuttavia, essere anche una sorta di interferenza radio e richiedono ulteriori indagini.

FONTEbloomberg.com
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it