lilium jet elettrico

Lilium, sviluppatore del primo jet completamente elettrico a decollo e atterraggio verticale (“eVTOL”), ha annunciato oggi la collaborazione con Phoenix 2. Ciò significa che sarà il primo jet elettrico in assoluto ad atterrare e decollare in verticale. Questo è un momento fondamentale per Lilium e per l’aviazione elettrica in generale.

Dal punto di vista della fisica del volo, i flap consentono che la portanza sia generata dall’ala (come nei velivoli ad ala fissa convenzionale), piuttosto che dai motori (come è il caso durante il volo fase in bilico).

Phoenix 2 ha ora raggiunto questa tecnologia sull’intera ala principale come previsto dal Flight Dynamics Model.

Matthias Meiner, ingegnere capo di Phoenix e co-fondatore di Lilium ha dichiarato: “La transizione è un enorme passo avanti nel nostro percorso di lancio e convalida il nostro modello di dinamica di volo. Tutto il merito va all’eccezionale team di Lilium che ha lavorato così duramente per portarci qui e che rimane concentrato sul resto della campagna di test di volo.”

Lilium continuerà la sua campagna di test di volo per tutta l’estate, ampliando ulteriormente l’inviluppo di volo.

Chi è Lilium

Lilium sta creando un’alternativa per viaggiare in modo sostenibile e accessibile, sia per persone che per le merci. Utilizzando il Lilium Jet, un jet a decollo/atterraggio verticale e  completamente elettrico, vuole accellerare il processo di decarbonizzazione nei viaggi aerei.

Lavorando con i leader del settore aerospaziale, tecnologico e delle infrastrutture e con le reti di lancio pianificate annunciate in Germania, Stati Uniti e Brasile, il team di oltre 750 persone comprende circa 450 ingegneri aerospaziali e un team dirigente responsabile della consegna di alcuni dei velivoli di maggior successo nella storia dell’aviazione.

Fondata nel 2015, la sede centrale e gli impianti di produzione di Lilium si trovano a Monaco, in Germania, con team dislocati in tutta Europa e negli Stati Uniti.

FONTEsports.yahoo
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it