smartphone-batteria-errori-da-evitare

Al giorno d’oggi tutti Al mondo utilizzano gli smartphone. Questi strumenti tecnologici sono infatti diventati praticamente essenziali nella vita di tutti i giorni. Vengono infatti usati per mantenersi in contatto con amici e parenti, vengono utilizzati per inviare e-mail e ormai servono anche in ambito lavorativo. Per questo motivo, però, è molto facile scaricare la batteria di questi dispositivi, dato che li utilizziamo praticamente ogni giorno. In particolare, quasi tutti commettiamo alcuni errori che rovinano inevitabilmente la durata nel tempo della batteria.

 

Smartphone: ecco gli errori da evitare per non rovinare la batteria

Capita a tutti, purtroppo, di commettere degli errori madornali che possono andare ad intaccare inevitabilmente la salute e l’efficienza della batteria del proprio smartphone. Tra gli errori più comuni, troviamo ad esempio quello di far scaricare completamente la batteria arrivando addirittura allo 0%. Si tratta di un errore piuttosto grave e che può danneggiare notevolmente la durata nel tempo della batteria. Quest’ultima, infatti, andrebbe ricaricata quando si trova fino ad un massimo del 15%.

Stesso discorso per quanto riguarda i tempi di ricarica. Infatti, è sconsigliato caricare fino al 100% la batteria. La percentuale ideale sarebbe infatti attorno al 70-80%, sempre per lo stesso motivo. Inoltre, bisogna prestare la massima attenzione a quale cavetto si utilizza per caricare lo smartphone. È sempre consigliato infatti utilizzare cavetti originali. Quelli non originali molto spesso possono causare un surriscaldamento eccessivo e possono qui di provocare danni irreparabili alla batteria.

Prestando attenzione a questi piccoli errori, si potrà preservare la durata della batteria del proprio smartphone nel tempo.

Anna Lisa Ferilli
Grande appassionata di smartphone e tecnologia, attualmente sono editor presso www.tecnoandroid.it. Sono inoltre iscritta presso Università del Salento per conseguire la laurea magistrale in Lingue moderne, letterature e traduzione.