opensea truffa

I pubblici ministeri statunitensi stanno perseguendo l’insider trading nel settore delle criptovalute.

Mercoledì, i pubblici ministeri del distretto meridionale di New York hanno accusato e arrestato Nathaniel Chastain, un ex product manager del mercato online OpenSea. Il 31enne deve affrontare un processo per frode telematica e per riciclaggio di denaro, in connessione con uno schema di insider trading in token non fungibili, o NFT, “utilizzando informazioni riservate per il suo guadagno personale.”

Chastain rischia una pena massima di 20 anni di carcere per ogni NFT venduto, ha scritto il Dipartimento di Giustizia in un comunicato stampa.

I funzionari del DOJ affermano che è la prima volta che perseguono un’accusa per insider trading che coinvolge risorse digitali. Il presunto schema di Chastain era relativamente semplice.

Secondo l’accusa, Chastain è stato incaricato di selezionare gli NFT da inserire nella home page di OpenSea. OpenSea ha mantenuto riservate le selezioni della home page fino a quando non sono state pubblicate, dal momento che un elenco di pagine principali spesso si traduceva in un aumento di prezzo sia per l’NFT in primo piano, sia per gli NFT realizzati dallo stesso creatore.

Da giugno a settembre del 2021 circa, secondo l’accusa, Chastain avrebbe acquistato segretamente questi NFT poco prima che OpenSea li presentasse sulla prima pagina del suo sito web. Una volta che presentati, li avrebbe venduti “con profitti da due a cinque volte il prezzo di acquisto iniziale”.

Per coprire le sue tracce, ha condotto transazioni con portafogli anonimi e account anonimi su OpenSea, secondo il DOJ, e sostiene che ciò sia accaduto dozzine di volte.

“Gli NFT potrebbero essere nuovi, ma questo tipo di schema criminale non lo è“, ha affermato il procuratore degli Stati Uniti Damian Williams. “Le accuse di oggi dimostrano l’impegno di questo Ufficio a sopprimere l’insider trading, indipendentemente dal fatto che avvenga sul mercato azionario o sulla blockchain“.

Parla direttamente l’FBI

Michael J. Driscoll, vicedirettore in carica dell’FBI, afferma che l’ufficio continuerà a perseguire in modo aggressivo i truffatori che scelgono di manipolare il mercato in questo modo.

Fino a settembre 2021, quando le presunte pratiche scorrette di Chastain sono venute alla luce per la prima volta, la start-up era relativamente permissiva rispetto alle restrizioni sui dipendenti che utilizzavano informazioni privilegiate per investire in NFT.

Da allora la società ha implementato due nuove politiche per i dipendenti, tra cui il divieto ai membri del team OpenSea di acquistare o vendere da collezioni o creatori mentre vengono presentati o promossi dall’azienda, nonché il divieto al personale di “utilizzare informazioni riservate per acquistare o vendere qualsiasi NFT , disponibile o meno sulla piattaforma OpenSea”.

L’intero episodio mette a nudo il divario normativo che esiste in vaste aree del più ampio ecosistema crittografico. Le NFT, in particolare, esistono in una zona grigia legale. Non sono ufficialmente considerati titoli, né ci sono molti precedenti legali sulle risorse digitali nel loro insieme

L’analista di dati fintech con sede a Londra Boaz Sobrado ha affermato che lo scandalo OpenSea chiarisce due cose. Innanzitutto, la trasparenza della blockchain la rende un potente strumento per monitorare i comportamenti nefasti, dato che tutte le operazioni sono pubbliche e registrate per sempre. Ma fino all’arresto di oggi, le autorità di regolamentazione non avevano fatto molto con queste informazioni.

FONTEcnbc.com
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it