stellantis batterie

L’industria automobilistica dovrà affrontare una carenza di batterie e materie prime nei prossimi anni come parte della sua transizione verso la mobilità elettrica, ha affermato il capo di Stellantis, Carlos Tavares.

Parlando alla conferenza del Financial Times Future of the Car 2022 martedì, Tavares ha affermato che potrebbe prevedere che il settore potrebbe soffrire di problemi di fornitura di batterie intorno al 2025 o 2026.

“E se non c’è carenza di batterie, allora ci sarà una significativa dipendenza del mondo occidentale dall’Asia. Questo è qualcosa che si può facilmente prevedere“, ha affermato il CEO.

“La velocità con cui ora tutti stanno costruendo le batterie è probabilmente al limite, non saremo in grado di supportare i mercati in rapida evoluzione in cui operiamo“, ha affermato.

Dei problemi seri, tutto il mondo dovrà affrontarli

Tavares ha affermato che la fornitura di materie prime potrebbe anche porre sfide strutturali nei prossimi anni poiché i veicoli elettrici pesano in media 500 chili in più rispetto ai tradizionali motori a combustione.

Ciò significa molta estrazione di materie prime, in cui sono legati anche rischi geopolitici“, ha detto Tavares. “Potrebbe non piacerci il modo in cui queste materie prime verranno reperite tra qualche anno”.

Ha affermato inoltre che le case automobilistiche si stanno concentrando sulla tecnologia e sono pronte a “rilasciare” nuovi veicoli elettrici sul mercato, ma il problema risiede soprattutto nelle autorità di regolamentazione che non hanno ancora una visione su tutte le implicazioni a lungo termine della transizione all’elettrico.

“Quali sono le prospettive? Come faremo ad utilizzare energia pulita? Di quante infastrutture di ricarica necessitiamo? Dove sono le materie prime? Dove sono i rischi geopolitici dell’approvvigionamento di tali materie prime? Chi sta guardando il quadro completo di questa trasformazione?” ha detto Tavares.

FONTEeurope.autonews.com
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it