La scorsa settimana abbiamo assistito all’esordio di uno dei contenuti maggiormente attesi nel mondo delle serie TV, stiamo parlando di Obi-Wan Kenobi, serie targata Disney+ che si pone di porre un tessuto di collegamento come trama e contenuti tra l’episodio 3 e 4 di Star Wars, un progetto ambizioso dopo che i contenuti precedenti, soprattutto the Book of Boba Fett, non avevano riscontrato il successo che ci si aspettava.

Ebbene la serie si è immediatamente e facilmente posizionata in cima ai contenuti originali Disney+ più visti di sempre, risultato che effettivamente c’era da aspettarsi visto il tema e il pezzo di narrazione che tratta e soprattutto grazie alla presenza di personaggi iconici molto amati dai fan che hanno decisamente convinto, primo fra tutti Ewan McGregor (Obi-Wan Kenobi).

 

Vittoria dal sapore agrodolce

La parte sgradevole che ha rovinato un altrimenti esordio perfetto, sono stati i commenti razzisti rivolti all’attrice afroamericana Moses Ingram, l’interprete che veste i panni della terza sorella membro degli inquisitori, la quale ha purtroppo ricevuto numerosi messaggi abbastanza sgradevoli, da chi la accusava di una performance non adeguata a chi le sottolineava il suo non c’entrare nulla con il franchise, con l’aggravante della presenza di numerosi messaggi razzisti inaccetabili.

Anche l’attore protagonista non è rimasto in silenzio, Ewan McGregor ha infatti rilasciato alcune dichiarazioni in merito ai fatti accaduti: “Sembra che alcuni fan abbiano deciso di attaccare Moses Ingram online e di inviarle i messaggi diretti più orrendi e razzisti. Ne ho sentiti alcuni stamattina e mi ha spezzato il cuore. Moses è un’attrice brillante, è una donna brillante ed è assolutamente fantastica in questa serie. Porta così tanto nella serie e nel franchise, e mi ha fatto venire la nausea sentire quello che stava succedendo.“.

Eduardo Bleve
Studente di medicina e da sempre appassionato di tecnologia, musica e curiosità scientifiche.