Il telescopio della NASA conosciuto come James Webb esaminerà due pianeti, uno con oceani fatti interamente di lava che prende il nome di 55 Cancri.

Galleggiando nello spazio a 1,5 milioni di miglia dal suo sole, su Cancri il tempo passa lentamente. Un anno su Cancri equivale a 18 ore sulla Terra. Un lato del pianeta è sempre rivolto verso la sua stella – il che di solito suggerisce che la quantità di calore dovrebbe essere relativamente costante. Per 55 Cancri, invece, non sembra essere così. La regione più calda di questo pianeta è condensata di fronte alla stella. “55 Cancri potrebbe avere un’atmosfera densa dominata da ossigeno o azoto”, spiega Renyu Hu. “Se ha un’atmosfera, allora il James Webb ha ​​la sensibilità e la gamma di lunghezze d’onda per rilevarla e determinare di cosa è fatta”.

Gli scienziati hanno in programma di misurare il calore su 55 Cancri e su quattro diverse orbite per verificarne la risonanza, con l’aspettativa che la superficie si riscaldi, si sciolga e possibilmente si vaporizzi durante il giorno, formando un’atmosfera molto sottile che Webb potrebbe rilevare. Si otterrebbe una pioggia di lava. L’altro pianeta analizzato con questa ricerca, LHS 3844 b, non ha le stesse temperature a causa delle sue dimensioni relativamente ridotte, ma ciò offre agli scienziati l’opportunità di analizzare la roccia su un altro mondo, poiché è improbabile che il pianeta abbia un’atmosfera densa.

James Webb: il telescopio della NASA sta studiando due pianeti tra cui 55 Cancri e il suo sottile strato di lava

“Si scopre che diversi tipi di roccia hanno spettri diversi”, afferma Laura Kreidberg del Max Planck Institute for Astronomy. “Puoi vedere con i tuoi occhi che il granito è di colore più chiaro del basalto. Ci sono differenze simili nella luce infrarossa emessa dalle rocce”. Il team catturerà lo spettro di emissione termica di LHS 3844 b e lo confronterà con gli spettri di rocce conosciute, come basalto e granito, per determinarne la composizione.

Queste osservazioni aiuteranno gli scienziati a sapere com’era la Terra primordiale. Inoltre, aiuteranno le esplorazioni future. In questo momento, ci sono oltre 5.000 esopianeti che sono stati scoperti nella nostra galassia. Gli scienziati ritengono che quest’ultima potrebbe ospitare centinaia di miliardi di esopianeti in totale. Alcuni di quei miliardi di mondi potrebbero ospitare forme di vita.

Avatar
Procrastinatrice cronica e allo stesso tempo perfezionista. Innamorata perdutamente delle scienze umanistiche. Nel 2017 ho iniziato a lavorare per Tecnoandroid, riscoprendo e consolidando anche la passione per la tecnologia.