microplastica

La contaminazione da plastica è un fenomeno che si verifica nell’acqua in bottiglia. Questa è stata la conclusione inquietante di uno studio pubblicato lo scorso anno su Frontiers in Chemistry che ha analizzato campioni prelevati da 259 acque in bottiglia vendute in diversi paesi e ha scoperto che il 93% di esse conteneva particelle di polimeri sintetici “microplastici”.

Molte di quelle particelle non erano poi così piccole. “Alcuni erano decisamente visibili senza una lente d’ingrandimento o un microscopio“, afferma Sherri Mason, autrice dello studio e ricercatrice sulla sostenibilità al Penn State Erie, The Behrend College.

Gli 11 marchi di acqua in bottiglia testati nello studio di Mason sono tra i più popolari e ampiamente disponibili negli Stati Uniti e nel mondo. I ricercatori hanno scoperto che i campioni dei marchi testati variavano nelle concentrazioni di plastica e la media tra i marchi era di 325 particelle di microplastica per litro di acqua in bottiglia.

Nestlé Pure Life ha avuto la più alta concentrazione media di particelle di plastica tra tutti i marchi testati; un campione del marchio conteneva più di 10.000 particelle di microplastica per litro.

Le scoperte di Mason hanno portato l’Organizzazione Mondiale della Sanità a dichiarare che il gruppo intende indagare sulla sicurezza dell’acqua in bottiglia. Mason afferma che il problema della contaminazione da microplastica è molto più grande di quanto si pensi. “Queste particelle di plastica sono nella nostra aria, nella nostra acqua e nel nostro suolo“, dice.
Ricevi la nostra newsletter sulla salute.

Microplastiche anche durante la gravidanza

Uno studio pubblicato su Nature Geoscience ha scoperto che particelle di microplastica soffiavano nell’aria dei Pirenei in Francia. Un altro studio pubblicato nel 2019 ha rilevato la contaminazione da microplastica nelle acque sotterranee degli Stati Uniti. “Ogni volta che cerchiamo plastica in un contesto scientifico, la troviamo“, afferma Phoebe Stapleton, assistente professore di farmacologia e tossicologia alla Rutgers University.

Ciò include nelle persone. Un piccolo studio del 2018 ha analizzato campioni di feci prelevati da persone in Finlandia, Giappone, Italia, Russia e altri paesi. Ogni campione conteneva microplastica.

Ci sono anche prove negli animali e nei tessuti di laboratorio che suggeriscono che le femmine in gravidanza possono trasmettere queste microplastiche alla loro prole non ancora nata.

FONTEtime.com
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it