twitter-mac-introduce-funzione-cerchia-disponibile-tuttiTwitter pagherà una multa di 150 milioni di dollari e metterà in atto nuove misure di sicurezza per rispondere alle ultime accuse dei regolatori federali. La piattaforma non è riuscita a proteggere la privacy degli utenti negli ultimi sei anni.

Twitter ha violato una normativa che risale al 2011. Da maggio 2013 a settembre 2019, Twitter ha comunicato agli utenti che avrebbe raccolto i loro numeri di telefono e indirizzi e-mail per motivi di sicurezza. Tuttavia, non ha rivelato che in realtà avrebbe utilizzato le informazioni per consentire alle aziende di inviare annunci online mirati.

“Twitter ha ottenuto dati sensibili dagli utenti con il pretesto di sfruttarli a fini di sicurezza, in realtà utilizzati per mostrare agli utenti degli annunci pubblicitari specifici”. “Questa pratica ha colpito più di 140 milioni di utenti di Twitter, aumentando al contempo la principale fonte di entrate dell’azienda”. La società, con sede a San Francisco, ha più di 229 milioni di utenti in tutto il mondo.

Multa di 150 milioni di dollari per Twitter, nessun rispetto per la privacy degli utenti

La sanzione di 150 milioni di dollari e le nuove misure di conformità richieste devono essere approvate da un tribunale federale della California. “Mantenere i dati al sicuro e rispettare la privacy è qualcosa che prendiamo estremamente sul serio e abbiamo collaborato con la FTC in ogni fase del processo”, ha affermato in un post il chief privacy officer di Twitter, Damien Kieran. La società ha adottato misure in accordo con la FTC per apportare altri miglioramenti “e garantire che i dati personali delle persone rimangano al sicuro”.

Twitter esercita un’influenza impareggiabile su notizie, politica e società grazie alla sua natura pubblica, all’interfaccia semplice e all’immediatezza del momento. Alcuni esperti temono che Musk con il suo imminente acquisto della società allenterebbe le regole sulla moderazione dei contenuti che offrono una certa protezione.

Avatar
Procrastinatrice cronica e allo stesso tempo perfezionista. Innamorata perdutamente delle scienze umanistiche. Nel 2017 ho iniziato a lavorare per Tecnoandroid, riscoprendo e consolidando anche la passione per la tecnologia.