alieni

Durante una intervista martedì 7 aprile, la capo scienziata della NASA Ellen Stofan ha dichiarato alcune notizie interessanti:

“Penso che avremo informazioni precise sulla vita oltre la Terra entro un decennio, avremo prove definitive entro 20-30 anni“, ha detto Stofan.

Tuttavia, Stofan e il team di relatori non sono ancora sicuri del pianeta che svelerà i primi segni di vita aliena.

“Penso che si trovino ad una generazione di distanza nel nostro sistema solare, che sia su una luna ghiacciata o su Marte“, ha affermato un altro membro del panel e amministratore associato per la missione scientifica della NASA Direzione John Grunsfeld.

Il mese scorso, Business Insider ha parlato con l’astrobiologo della NASA Chris McKay ragionando sul luogo in cui l’umanità potrebbe trovare i primi segni di vita. 

Bisogna guardare anche sotto la superficie“, afferma McKay, che è uno scienziato senior presso il Planetary Systems Branch della NASA.

Encelado potrebbe essere la strada giusta da seguire

Sfortunatamente, progettare e spedire un lander in grado di scavare in profondità sotto la superficie di un pianeta è incredibilmente difficile e costoso. Gli unici luoghi in cui gli scienziati hanno perforato, raccolto ed esaminato campioni sotto la superficie è sulla luna e su Marte.

Un posto in cui non avremmo bisogno di scavare e trivellare è sulla piccola luna di Saturno, Encelado. Ospita un enorme oceano sotto uno spesso strato di ghiaccio sulla sua superficie. Due diversi team di scienziati hanno trovato prove convincenti che indicano che esistono vulcani attivi che rivestono il fondale marino della piccola luna.

Nel 2005, la navicella Cassini ha sorvolato Encelado e ha individuato pennacchi di vapore acqueo e altri materiali che sgorgavano dalla sua superficie. Se c’è vita nel sistema solare, è probabile che il primo posto in cui la troveremo è all’interno di quei pennacchi, ha detto McKay.

FONTEbusinessinsider.com
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it