strage in texas

La Polizia americana ha ammesso una serie sbalorditiva di fallimenti, incluso il fatto di aver guidato proprio vicino all’uomo armato che ha compiuto una strage in una scuola del Texas.

La conferenza stampa è arrivata dopo giorni di confusione, incoerenze e una cronologia confusa della risposta delle forze dell’ordine in merito alla strage alla Robb Elementary School di Uvalde, in Texas.

Parlando del ritardo nell’irruzione nell’aula in cui si trovava l’assassino, il direttore del Dipartimento di pubblica sicurezza del Texas Steve McCraw ha affermato che “dal senno di poi dove sono seduto ora, ovviamente non è stata la decisione giusta.Non ci sono scuse per questo. C’erano bambini in quella classe che erano ancora a rischio“, ha aggiunto.

McCraw ha rivelato che l’uomo armato è entrato nella scuola attraverso una porta sul retro che ha trovato aperta alle 11:33 e ha iniziato a sparare nelle aule 111 e 112. Almeno 100 colpi sono stati sparatisulla base delle prove audio in quel momento“, ha detto.

Minuti di confusioni per la polizia

Solo due minuti dopo, almeno tre agenti di polizia sono entrati dalla stessa porta dell’uomo armato. Alle 12:03 c’erano ben 19 ufficiali nel corridoio.

Tuttavia, non è stato fermato fino alle 12:50. Solo allora l’uomo armato è stato colpito a morte.

In una conferenza stampa nel tardo pomeriggio di venerdì, il governatore del Texas Greg Abbott ha detto di essere stato “fuorviato” dalle prime notizie sulla risposta della polizia alla sparatoria.

Abbott ha insistito che le forze dell’ordine andranno a fondo del motivo per cui la polizia non ha intrapreso azioni più aggressive per “eliminare” l’assassino.

Ci saranno indagini in corso che dettagliano esattamente chi sapeva cosa quando, chi era al comando e quale strategia è stata utilizzata” ha detto in una conferenza.

FONTEcnbc.com
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it