youtube russia

YouTube ha rimosso più di 70.000 video e 9.000 canali relativi alla guerra in Ucraina per aver violato le linee guida sui contenuti, inclusa la rimozione di video che si riferivano all’invasione come a una “missione di liberazione“.

La piattaforma è estremamente popolare in Russia, dove, a differenza di alcuni dei suoi colleghi statunitensi, non è stata chiusa nonostante abbia ospitato contenuti di figure dell’opposizione come Alexei Navalny.

YouTube è stato anche in grado di operare in Russia nonostante la repressione dei contenuti pro-Cremlino che hanno infranto le linee guida, inclusa la sua politica sui principali eventi violenti, che vieta di negare o banalizzare l’invasione.

Dall’inizio del conflitto a febbraio, YouTube ha rimosso i canali tra cui quello del giornalista filo-Cremlino Vladimir Solovyov. Anche i canali associati ai ministeri della Difesa e degli Affari esteri russi sono stati temporaneamente sospesi dal caricamento di video negli ultimi mesi per aver descritto la guerra come una “missione di liberazione“.

Il chief product officer di YouTube, Neal Mohan, ha dichiarato: “Abbiamo una politica sui grandi eventi violenti e ciò si applica a cose come la negazione dei grandi eventi violenti: tutto, dall’Olocausto a Sandy Hook. E, naturalmente, quello che sta accadendo in Ucraina è un grande evento violento. E così abbiamo usato quella politica per intraprendere un’azione senza precedenti”.

Attori pagati dal governo russo?

In un’intervista al Guardian, Mohan ha aggiunto che i contenuti delle notizie di YouTube sul conflitto hanno ricevuto oltre 40 milioni di visualizzazioni solo in Ucraina.

La prima e probabilmente più importante responsabilità è assicurarsi che le persone che cercano informazioni su questo evento possano ottenere informazioni accurate, di alta qualità e credibili su YouTube“, ha affermato. “Il consumo di canali autorevoli sulla nostra piattaforma è cresciuto in modo significativo, ovviamente in Ucraina, ma anche nei paesi che circondano l’Ucraina, la Polonia e anche all’interno della stessa Russia“.

YouTube non ha fornito una ripartizione dei contenuti e dei canali rimossi, ma Mohan ha detto che gran parte di essi rappresentava le narrazioni del Cremlino sull’invasione. “Non ho i numeri specifici, ma si può immaginare quante notizie provengono dal governo russo o da attori russi per conto del governo russo, ha detto.

YouTube ha circa 90 milioni di utenti in Russia, sebbene non consenta più la pubblicità sulla piattaforma nel paese. La decisione della società madre Google, ha suscitato le proteste di Navalny, che ha affermato che annunci ben mirati hanno contribuito a contrastare la propaganda del Cremlino.

VIAtheguardian.com
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it