classifica radiazioni smartphone

Uno dei rischi tecnologici sconosciuti più spaventosi di questo decennio è il problema delle radiazioni dei telefoni cellulari. C’è ancora una domanda aperta sul fatto che l’esposizione a lungo termine a questi dispositivi mobili possa causare danni o malattie agli esseri umani.

L’Environmental Working Group ha un nuovo studio completo esamina la ricerca scientifica sui rischi per la salute dei cellulari e fornisce dati sulle radiazioni per la maggior parte dei cellulari attualmente in uso. Ecco come l’EWG ha spiegato la mission del suo studio:

“Noi dell’Environmental Working Group stiamo ancora usando i nostri telefoni cellulari, ma crediamo anche che fino a quando gli scienziati non sapranno molto di più sulle radiazioni, sia intelligente per i consumatori acquistare telefoni con le emissioni più basse. Il governo degli Stati Uniti dovrebbe richiedere alle società di telefoni cellulari di etichettare l’emissione di radiazioni dei loro prodotti in modo che i consumatori possano decidere anche in base a questo.”

Ma dato che non è così, EWG ha creato questa guida online interattiva di facile utilizzo sulle emissioni dei telefoni cellulari, che copre oltre 1.000 telefoni attualmente sul mercato.

Lo studio EWG ha esaminato tutti i telefoni cellulari elencando i 10 smartphone che producono più radiazioni.

 I 10 smartphone con le radiazioni più alte

  • T-Mobile MyTouch 3G (1,55 W/kg);
  • Blackberry Curve 8330 (1,54 W/kg);
  • Palm Treo 600 (1,53 W/kg);
  • T-Mobile Shadow (1,53 W/kg);
  • Palm Treo 650 (1,51 W/kg);
  • Blackberry Curve 8300 (1,51 W/kg);
  • Blackberry Bold 9000 (1,51 W/kg);
  • Sony Ericsson P910a (1,5 W/kg);
  • HTC SMT 5800 (1,49 W/kg);
  • BlackBerry Pearl 8120/8130 (1,48 W/kg);

Il T-Mobile MyTouch 3G, uno smartphone HTC basato su Google Android che ha debuttato con grande clamore quest’estate, è in cima alla lista. Tuttavia, anche altri smartphone popolari hanno dominato la lista, in particolare BlackBerries e Treos.

Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it