IonQ e Hyundai ampliano la partnership per quantum computing per rilevare oggetti

IonQ e Hyundai hanno annunciato un nuovo progetto volto all’applicazione del quantum machine learning alla classificazione delle immagini e al rilevamento di oggetti 3D per la mobilità futura.

La classificazione delle immagini e il rilevamento di oggetti 3D sono passaggi fondamentali verso la mobilità di prossima generazione, compresi i veicoli autonomi. Insieme, IonQ e Hyundai cercheranno di migliorare la funzionalità computazionale attraverso un apprendimento automatico più efficiente sui computer quantistici, grazie alla loro capacità di elaborare grandi quantità di dati più velocemente e con maggiore precisione rispetto ai sistemi classici.

Utilizzando un sistema avveniristico nella codifica delle immagini in stati quantistici, IonQ è già in un punto avanzato nella classificazione di 43 tipi di immagini di segnaletica stradale, utilizzando i processori quantistici di IonQ. La fase successiva vedrà le due aziende applicare i dati di apprendimento automatico di IonQ all’ambiente di test di Hyundai e simulare vari scenari del mondo reale.

Siamo entusiasti di espandere la nostra partnership con Hyundai per concentrarci su un altro aspetto chiave della mobilità di prossima generazione”, ha affermato Peter Chapman, Presidente e CEO di IonQ. “Dalla collaborazione sulla ricerca sulle batterie per i veicoli elettrici alla classificazione delle immagini e alla ricerca sul rilevamento di oggetti per la guida automatizzata, ci aspettiamo di vedere i computer quantistici diventare una parte ancora più integrante nello sviluppo di nuove soluzioni di trasporto”.

Nell’ambito di questo progetto, IonQ e Hyundai cercheranno di sviluppare tecniche quantistiche per il complesso compito del rilevamento di oggetti 3D, ampliando il lavoro attuale sul riconoscimento dei segnali stradali per includere altri elementi, come pedoni o ciclisti.

L’esecuzione di attività di riconoscimento degli oggetti sull’ultimo computer quantistico di IonQ – IonQ Aria – dovrebbe consentire un’elaborazione più efficiente a costi inferiori, portando allo sviluppo di mobilità più sicure e intelligenti in futuro. Con 20 qubit algoritmici (#AQ), IonQ Aria è il computer quantistico più potente del settore basato su benchmark orientati alle applicazioni standard.

Questa notizia rappresenta anche la più recente iniziativa intrapresa da IonQ e Hyundai, a seguito dell’annuncio avvenuto a gennaio relativo all’inizio della collaborazione per utilizzare i computer quantistici al fine di migliorare le prestazioni, i costi e la sicurezza delle batterie al litio per i veicoli elettrici.