Dal 2019 DJI ha reso accessibile a tutti le riprese aeree grazie alla sua linea di droni Mavic Mini, pochi giorni fa ha presentato la terza generazione: il Mini 3 Pro.

Ha sempre un peso inferiore ai 250 g che gli consente di essere pilotato anche senza patentino, ma rispetto al passato ha delle funzionalità che prima trovavamo soltanto sui suoi fratelli maggiori.

Design e materiali

Il DJI Mini 3 Pro è estremamente piccolo: solo 145 x 90 x 62 mm con i bracci del rotore ripiegati. Si adatta alle tasche del cappotto più grandi e fa a malapena un’ammaccatura nello zaino medio, anche se abbinato a un telecomando (ne parleremo più avanti), il che lo rende un drone che puoi portare praticamente ovunque senza troppi problemi.

Oltre ad essere portatile pesa 249 g con una scheda microSD e una batteria di volo intelligente standard montata. DJI produce una batteria di volo intelligente Plus di capacità maggiore, che offre al drone fino a 47 minuti di volo anziché i 34 minuti standard, ma poiché questo spinge il peso ben oltre la linea di 250 g, non lo consigliamo. Inoltre, non è disponibile in Europa, quindi probabilmente non sarai comunque in grado di procurartene uno.

Il drone sembra un po’ plasticoso e delicato in mano, ma una volta aperto e in aria non ci sono segni evidenti di debolezza. Schiantarlo a capofitto contro un muro non gli farà alcun beneficio, ovviamente, ma l’uso generale e lo strano atterraggio accidentato non lo vedranno cadere a pezzi. Quando ripiegato per riporlo, potete proteggere la delicata fotocamera e il gimbal con una custodia in plastica rigida in dotazione.

Ha un design più aerodinamico rispetto al Mini 2, con i bracci dell’elica anteriori allargati. Ciò rende meno probabile che le pale dell’elica finiscano nel telaio, ma aiuta anche la stabilità del volo, infatti troviamo delle eliche leggermente più grandi rispetto al passato.

La connettività è semplice, con una porta USB-C che si occupa della ricarica e del trasferimento dei dati. Accanto c’è uno slot per schede micro SD, con capacità fino a 512 GB supportate. Il drone ha anche una piccola quantità di spazio di archiviazione a bordo, ma se registri in 4K o scatti foto da 48 MP si riempirà così rapidamente da essere quasi inutile. Detto questo, significa che puoi snocciolare alcuni scatti o una clip veloce se dimentichi di mettere in valigia la tua scheda microSD.

Potete acquistare Mini 3 Pro da solo o con uno dei due radiocomandi DJI: RC-N1 o RC. Il primo l’abbiamo già visto; è un controller a doppia levetta ben costruito che può ospitare il vostro smartphone (sono supportati i modelli Lightning, USB-C e micro USB), che quindi esegue l’app DJI Fly.

L’RC ha un nuovo design e viene fornito con il suo touchscreen integrato da 5,5 pollici, una slot micro SD (per l’archiviazione a bordo: puoi trasferire file in modalità wireless dal drone) e l’app DJI Fly precaricata. Funziona su Android, quindi puoi installare social media e app di modifica delle immagini se lo desideri e dura circa quattro ore con una carica completa.

Volo e software

L’app DJI Fly è invariata qui e funziona più o meno allo stesso modo di altri droni come Mavic 3 e Air 2S. Dopo aver acceso il drone e il controller e aver accoppiato i due (questo richiede pochi secondi e quasi sempre non richiede alcun input da parte dell’utente), la schermata principale dell’app mostra tutto ciò di cui avete bisogno per prendere il volo: una mappa della posizione, batteria indicatore di durata (con un calcolo di quanto tempo ti rimane, non solo percentuale della batteria), controlli della fotocamera e altro ancora.

Toccando il pulsante di decollo, quindi tenendo premuto il secondo pulsante che appare al centro dello schermo si accenderanno i motori del drone e lo farà librare a pochi metri da terra: da lì in poi stanno a voi le redini del volo, usando i controlli a doppia levetta per manovrare il quadrirotore in posizione. È scattante e reattivo e grazie all’aggiunta di sensori anticollisione, rivolti in un ampio arco frontale, all’indietro e verso il basso. Potete volare senza troppa paura di colpire qualcosa (se non volate in modalità sport che disattiva i suddetti sensori).

Questa è il primo Mini a offrire sensori di questo tipo e sono un enorme impulso alla sicurezza e alla facilità d’uso. Funzionano anche con le modalità di tracciamento per garantire che, mentre il drone vi seguirà autonomamente, girerà anche intorno agli ostacoli ove possibile.

ActiveTrack è una funzione divertente che vi consente di tracciare con il dito una casella attorno a un oggetto/soggetto sullo schermo: il drone lo seguirà mantenendo la fotocamera puntata su di esso. Purtroppo qui non è perfetto: funziona solo con modalità di registrazione del frame rate più basse, è piuttosto esigente su cosa farà e non si bloccherà e può perdere il track abbastanza facilmente se qualcosa si muove rapidamente o brevemente dietro un oggetto che scherma la sua visuale. Tuttavia, quando ci sono le condizioni giuste, è impressionante.

L’app offre anche un’ampia gamma di mosse automatiche della fotocamera con cui giocare. Queste faranno eseguire al drone varie manovre durante l’acquisizione automatica delle riprese; con un minimo di pratica sarete in grado di eseguirle manualmente, il che è molto più divertente e spesso produce risultati migliori.

In termini di raggio di controllo, DJI afferma che il collegamento tra controller e drone può funzionare fino a 12 km. Per testare ciò violerebbe diverse leggi sui droni (devi essere in grado di vedere il tuo drone ad occhio nudo quando sei in volo), quindi poche centinaia di metri sono tutto ciò che potremmo provare, ma non abbiamo mai avuto un problema con il segnale. Tanto dipende anche dalla zona in cui volate.

Qualità fotocamera

Le prestazioni della fotocamera del Mini 3 Pro sono una sfida diretta per droni del calibro di Mavic 3 e Air 2S? Per niente – entrambi offrono molti più dettagli e gamma dinamica, in particolare in condizioni di scarsa illuminazione – ma per un drone leggero è qualcosa di speciale, al di sopra e al di là di quello che potete ottenere dal Mini 2.

Nonostante il sensore abbia le stesse dimensioni di 1/1,3 pollici, offre il doppio della gamma ISO del Mini 2, un’apertura f/1,7 più ampia e un array Quad Bayer con una risoluzione di 48 MP (anziché 12 MP). Questo aumenta i dettagli, con filmati diurni 4K e foto da 48 MP in particolare che ottengono una nitidezza e una ricchezza che in precedenza avevamo associato solo a droni più grandi e pesanti. Può anche registrare video 4K a 60 fps fluidi, che è il doppio del video 4K di Mini 2, nonché video Full HD a 120 fps per lo Slow Motion.

Anche le immagini in condizioni di scarsa illuminazione sono migliorate, ma c’è ancora un po’ di morbidezza e sbavature evidenti nel filmato a causa del rumore ISO elevato.

Conclusioni e prezzo

Questo è il miglior drone sotto i 250g sul mercato, e se non fosse per il suo prezzo leggermente alto (e il fatto che DJI continuerà a vendere i modelli Mini più economici), sarebbe anche il miglior drone per i principianti. È facile e sicuro da pilotare, offre una buona durata della batteria e le prestazioni della sua fotocamera sono molto migliori di qualsiasi altro dispositivo nella sua classe di peso, il tutto pur essendo abbastanza portatile da poter essere riposto nella tasca di un cappotto.

I prezzi per il nuovo DJI Mini 3 Pro dipendono anche dal bundle che scegliete:

  • DJI Mini 3 Pro: circa 730 euro;
  • DJI Mini 3 Pro + RC-N1: circa 840 euro;
  • DJI Mini 3 Pro + RC: circa 1000 euro;
  • DJI Fly More Kit: circa 190 euro;

DJI Mini 3 Pro + RC

1.000
8.5

Design e dimensioni

9.5/10

Prestazioni e software

8.5/10

Fotocamere

8.5/10

Batteria e autonomia

8.5/10

Prezzo

7.5/10

Pro

  • Molte modalità di ripresa automatiche
  • Active Track
  • Non serve il patentino
  • Super leggero e compatto

Contro

  • Prezzo un po' alto
  • No sensori anti collisione laterali
  • Riscalda un po'
Stefano Germinal
3D artist e videomaker grande amante del cinema e della tecnologia. Predilige i film fantasy, sci-fi, horror e d'animazione. Ha un cuore nerd, mai togliergli i suoi anime e le serate in fumetteria il mercoledì sera.