bitcoin

Ci sono state innumerevoli truffe con i Bitcoin, ecco perchè bisogna stare sempre molto attenti quando si tratta delle criptovalute. Per difenderti da queste truffe, ecco alcuni esempi che ti faranno aprire gli occhi.

Truffe malware

Il malware è stato a lungo il segno distintivo di molte truffe online. Ma con le criptovalute, rappresenta una minaccia maggiore data la natura della valuta in sé e per sé.

Di recente, un sito di supporto tecnico chiamato Bleeping Computer ha emesso un avviso sul malware mirato alle criptovalute nella speranza di salvare i clienti dall’invio di criptovalute tramite transazioni, ha riferito Yahoo Finance.

“Questo tipo di malware, chiamato CryptoCurrency Clipboard Hijackers, funziona monitorando gli appunti di Windows e cerca gli indirizzi delle criptovalute e, se ne viene rilevato uno, lo sostituirà con un indirizzo che controllano“, ha scritto Lawrence Abrahams, informatica forense e creatore di Bleeping Computer .

Il malware CryptoCurrency Clipboard Hijackers (che secondo quanto riferito gestisce 2,3 milioni di indirizzi bitcoin) scambia gli indirizzi utilizzati per trasferire criptovalute con quelli controllati dal malware, trasferendo così invece le monete ai truffatori. E, secondo Asia Times, anche il malware MacOS è stato collegato a truffe di malware che coinvolgono investitori di criptovaluta utilizzando siti affidabili come le chat di Slack e Discord, coniate “OSX.Dummy”.

Scambi di bitcoin falsi – BitKRX

Sicuramente uno dei modi più semplici per truffare gli investitori è fingere di essere un ramo affiliato di un’organizzazione rispettabile e legittima.

La truffa sudcoreana BitKRX si è presentata come un luogo per scambiare e scambiare bitcoin, ma alla fine è stata fraudolenta. Il falso scambio ha preso parte del nome del vero scambio coreano (KRX) e ha truffato le persone fingendosi un rispettabile e legittimo scambio di criptovaluta.

Secondo Coin Telegraph, BitKRX ha affermato di essere una filiale del KRX, una creazione di KOSDAQ, South Korean Futures Exchange e South Korea Stock Exchange.

BitKRX ha utilizzato questa falsa affiliazione per indurre le persone a usare il loro sistema. La truffa è stata smascherata nel 2017.

Schema Ponzi – MiningMax

Diverse organizzazioni hanno truffato milioni di persone con schemi Ponzi utilizzando bitcoin, incluso il sito web sudcoreano MiningMax. Il sito, che non è stato registrato presso la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti, ha promesso di fornire agli investitori ROI giornalieri in cambio di un investimento originale e di una commissione per convincere altri a investire (in pratica, uno schema Ponzi).

Apparentemente, il sito chiedeva alle persone di investire $ 3.200 per il ROI giornaliero in due anni e una commissione di riferimento di $ 200 per ogni investitore reclutato personalmente, affermano i rapporti.

Il dominio di MiningMax è stato registrato privatamente a metà del 2016 e aveva una struttura di compensazione binaria. La truffa fraudolenta di criptovaluta è stata segnalata dagli affiliati, provocando 14 arresti in Corea nel dicembre del 2017.

La Corea è stata a lungo un leader negli sviluppi tecnologici: e i bitcoin non fanno eccezione. Tuttavia, dopo le recenti polemiche, sembra che le cose stiano cambiando.

VIAthestreet.com
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it