comprare-altcoin bitcoin crisi

Solo un paio di settimane fa, le criptovalute erano di gran moda. Il valore della maggior parte dei token digitali era alle stelle.

E poi è arrivata la scorsa settimana, quando un enorme crollo delle criptovalute ha spazzato via un valore di mercato da 1 trilione di dollari. Cosa è successo?

La criptovaluta è un metodo di pagamento alternativo e digitale che di solito è decentralizzato. Ciò significa che non è sotto il controllo di una banca centrale o di un’autorità. La criptovaluta pionieristica e più popolare è Bitcoin, con una quota di mercato di circa il 60-65%. È circa cinque volte più della seconda criptovaluta più popolare al mondo, Ethereum.

Ma al giorno d’oggi, ci sono molte alternative a Bitcoin, note come “altcoin“. Secondo CoinMarketCap, esistono attualmente 5.268 valute digitali. I primi cinque (Bitcoin, Ethereum, Tether, Cardano e Binance) rappresentano circa l’80% del valore di mercato del settore.

Ci sono anche migliaia di “monete morte”. Le monete morte sono criptovalute che non esistono più. Alcune di queste monete digitali sono state divulgate come truffe, altre sono semplicemente crollate, hanno subito hack devastanti o semplicemente sono cadute dal radar perché nessuno le usa più.

Un crollo inaspettato

Il grande crollo è arrivato mercoledì scorso, quando il governo cinese ha più o meno proibito alle istituzioni finanziarie del Paese di fare qualsiasi cosa con le criptovalute. Hanno anche avvertito le aziende di non accettare valute digitali. Cioè, tranne la loro: la Cina sta in particolare provando la propria alternativa crittografica, chiamata Digital Currency Electronic Payments (DCEP), o lo yuan digitale.

In una dichiarazione congiunta, tre organizzazioni finanziarie sostenute dallo stato hanno annunciato che ai loro membri non era più consentito fornire ai clienti l’accesso a piattaforme crittografiche per il trading e l’archiviazione di monete digitali, citando la loro volatilità e potenziali legami con il riciclaggio di denaro.

La decisione è stata l’ultima di una lunga serie di misure adottate dal governo cinese per imporre regole sempre più rigide per il mining e il trading di criptovalute. La minaccia di una regolamentazione rigorosa ha scatenato il panico, soprattutto dopo che Musk aveva già agitato il mercato una settimana prima. I valori delle criptovalute sono crollati, con Ethereum in picchiata del 40%, mentre Binance e Dogecoin hanno perso circa il 30%.

 

VIAvpnoverview
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it