Postepay e banche: le truffe che svuotano i conti sono tornate, eccone una

Credere ai tentativi di phishing è diventato ormai molto frequente e comune, anche se si è esperti nel settore. Tali truffe si sono evolute a tal punto da riuscire a soggiogare anche coloro che, sicuri di se stessi, credono di poter evitare qualsiasi tipo di tranello sul mondo del web. Le Postepay però sono ancora una volta la vittima preferita dei truffatori, i quali sanno della grande estensione del fenomeno della carta prepagata in Italia.

Qui in basso trovate tutte le indicazioni con il vero messaggio che sta mettendo sottosopra il mondo delle banche.

 

Postepay e la nuova truffa che fa credere agli utenti di dover agire sul proprio conto

Gentile Cliente, il presente avviso di pubblicazione delle fatture Le è stato inoltrato, da Postel S.p.A., in relazione ai servizi a lei erogati e/o ai prodotti che ha acquistato da Poste Italiane S.p.A.Fattura N. 6823583527 del 12/03/2022In base alla normativa vigente, riceverà la fattura originale nelle modalità e nel formato XML previsti dalle autorità competenti attraverso il Sistema Di Interscambio (SDI).L’originale della fattura sarà depositato dallo SDI nell’area fiscale a Lei dedicata.In caso di mancato recapito della fattura in originale da parte dello SDI, sarà possibile visualizzare e scaricare una copia della fattura utilizzando il file allegato alla presente, trasmessa con mittente ContabilitaClientiGruppoPosteItaliane, per conto di Poste Italiane S.p.A.,oppure accedendo alla pagina web protetta con accesso sicuro (in tecnologia SSL) raggiungibile tramite l’indirizzo:LINK

Per una corretta visualizzazione dei documenti elettronici, Le consigliamo di utilizzare Adobe Reader versione 7.0.8 o superiore.Cordiali salutiPostel S.p.A.Gruppo Poste Italiane