google-documenti-semplifica-ricerca-funzioni-utilizzi-frequenteMentre lo sviluppo dell’apprendimento automatico raggiunge una fase critica in cui le decisioni prese possono avere effetti vasti e incontrollati, Google si trova sotto attacco dopo aver licenziato un ricercatore per ragioni etiche.

Lo sfondo di questa storia, come riporta il New York Times, fa riferimento ad avvenimenti di qualche anno fa. Google ha chiesto al dottor Satrajit Chatterjee di lavorare per l’azienda in un primo momento. Chatterjee, tuttavia, ha sempre espresso le sue preoccupazioni su alcuni aspetti e modi di operare. In particolare, Chatterjee si è occupato delle ultime ricerche sull’Intelligenza Artificiale. Alcuni osservatori hanno affermato che la revisione di uno degli studi più recenti in materia non è stata adeguatamente controllata attraverso un processo di approvazione apposito. Pare che Chatterjeee e alcuni collaboratori, durante le ultime ricerche condotte per Google, abbiano dimenticato di rispettare i valori etici della società.

Dopo la pubblicazione del documento al centro della polemica, Google ha concesso a Chatterjee e ad altri ricercatori l’opportunità di redigere un documento di confutazione. La confutazione è stata sottoposta a un comitato arbitrale interno ed è stata respinta mesi dopo. I ricercatori hanno chiesto di inoltrare alcuni allegati al consiglio di amministrazione di Alphabet, affermando che la decisione di non pubblicare la confutazione violava i principi dell’azienda. A distanza di poco Chatterjee è stato licenziato. Per alcuni, la scelta di questo licenziamento è controversa. Per altri, è inevitabile.

Google e le recenti polemiche in merito al licenziamento di un ricercatore

Anna Goldie, una delle due autrici principali del documento, ha affermato che le revisioni del documento del 2020 non hanno bisogno di essere controllate. Afferma inoltre che Chatterjee si è rivolto a lei e al co-autore principale per la gestione del progetto nel 2019 e che si erano rifiutati e le sue richieste sono state ignorate. Goldie ha accusato Chatterjee di promuovere una “campagna di disinformazione”.

L’avvocato di Chatterjee ha chiamato Jeff Dean, vicepresidente senior di Google Research, per le sue “azioni per reprimere il rilascio di tutti i dati sperimentali rilevanti, non solo i dati che supportano l’ipotesi voluta […]” I metodi descritti nel documento incriminato sono pensati per generare planimetrie per i chip in meno di 6 ore rispetto ai mesi necessari agli esseri umani per fare lo stesso. Abbastanza chiaro che c’è molto su cui combattere quando si tratta di come vengono realizzati i chip – e qualsiasi prodotto nato dall’intelligenza artificiale stessa. Google ha affermato di non avere nulla da condividere al momento sulla questione.

Avatar
Procrastinatrice cronica e allo stesso tempo perfezionista. Innamorata perdutamente delle scienze umanistiche. Nel 2017 ho iniziato a lavorare per Tecnoandroid, riscoprendo e consolidando anche la passione per la tecnologia.