animali pandemia

Poiché il clima terrestre continua a riscaldarsi, i ricercatori prevedono che gli animali selvatici saranno costretti a trasferire i loro habitat, probabilmente in regioni con una grande popolazione umana, aumentando drasticamente il rischio di un salto virale per gli esseri umani che potrebbe portare alla prossima pandemia.

Questo legame tra il cambiamento climatico e la trasmissione virale è descritto da un gruppo di ricerca internazionale guidato da scienziati della Georgetown University ed è stato pubblicato il 28 aprile su Nature.

Nel loro studio, gli scienziati hanno condotto la prima valutazione completa di come il cambiamento climatico ristrutturerà il viroma globale dei mammiferi. Il lavoro si concentra sui viaggi che le specie intraprenderanno in nuove aree. Quando incontreranno per la prima volta altri mammiferi, lo studio prevede che condivideranno migliaia di virus.

Questi cambiamenti portino maggiori opportunità per virus come Ebola o coronavirus di emergere in nuove aree, rendendoli più difficili da rintracciare e in nuovi tipi di animali, rendendo più facile per i virus saltare attraverso una specie di “trampolino di lancio” negli esseri umani.

Un problema dovuto dal riscaldamento globale

L’analogia più vicina è in realtà i rischi che vediamo nel commercio di animali selvatici“, afferma l’autore principale dello studio Colin Carlson, Ph.D., assistente professore di ricerca presso il Center for Global Health Science and Security presso il Georgetown University Medical Center.

Ci preoccupiamo per i mercati perché riunire animali malsani in combinazioni innaturali crea opportunità per questo processo graduale di emergenza, come il modo in cui la SARS è passata dai pipistrelli alle persone. Ma in un clima che cambia, quello tipo di processo sarà la realtà in natura praticamente ovunque”.

La preoccupazione è che gli habitat degli animali si sposteranno in modo sproporzionato negli stessi luoghi degli insediamenti umani, creando nuovi focolai. Gran parte di questo processo potrebbe essere già in corso e gli sforzi per ridurre le emissioni di gas serra potrebbero non impedire lo svolgersi di questi eventi.

Un’ulteriore scoperta importante è l’impatto che l’aumento delle temperature avrà sui pipistrelli. La loro capacità di volare consentirà loro di percorrere lunghe distanze e diffondere il virus. A causa del loro ruolo centrale nell’emergenza virale, i maggiori impatti sono previsti nel sud-est asiatico, un hotspot globale della diversità dei pipistrelli.

“Questo meccanismo aggiunge ancora un altro livello al modo in cui i cambiamenti climatici minacceranno la salute umana e animale“, afferma il co-autore principale dello studio Gregory Albery, Ph.D., un borsista post-dottorato presso il Dipartimento di Biologia del Georgetown University College of Arts e Scienze.

FONTEphys.org
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it