google informazioni personali

Google ora consentirà agli utenti di richiedere che i loro numeri di telefono, indirizzi fisici e indirizzi email noti anche come informazioni di identificazione personale (PII) vengano rimossi dai risultati dei motori di ricerca.

La nuova policy è progettata per impedire ai malintenzionati di utilizzare le informazioni sensibili delle persone per scopi dannosi, come il furto di identità o lo stalking. Puoi già chiedere a Google di rimuovere i dati privati ​​dai risultati dei motori di ricerca.

Tuttavia, le  scelte erano limitate a numeri di identificazione, informazioni bancarie e numeri di carta di credito, nonché immagini della tua firma personale e cartelle cliniche. Di recente, Google ha anche introdotto una sezione di sicurezza nel Play Store.

L’annuncio di mercoledì amplia la definizione di dettagli di identificazione personale per includere le “informazioni di contatto personali“, che includono indirizzi fisici, dettagli di contatto e indirizzi postali. Puoi anche chiedere a Google di rimuovere le tue credenziali di accesso dai suoi risultati di ricerca. Gli utenti che utilizzano lo strumento potrebbero essere in grado di proteggersi da attacchi informatici e schemi di furto di identità.

Puoi avviare una richiesta di rimozione andando alla pagina di supporto di Google sull’argomento, che ti chiederà l’URL contenente le informazioni di identificazione personale. Il modulo consente agli utenti di inserire fino a 1.000 URL.

Se Google sembra accogliere la richiesta, l’URL contenente le informazioni personali sensibili potrebbe effettivamente essere rimosso da tutti i risultati di ricerca. In altri scenari, prenderà in considerazione la rimozione dell’URL solo se la query di ricerca include il tuo nome.

Ecco come funziona la procedura

“Questo può accadere se le informazioni che violano le norme su una pagina sono accanto a contenuti di interesse pubblico o se includono informazioni su altre persone“, ha affermato Google.

Michelle Chang, Global Policy Lead per la ricerca di Google, ha dichiarato: “Internet è in continua evoluzione, e le informazioni spuntano in luoghi inaspettati, quindi anche le nostre politiche e protezioni devono evolversi”.

Tuttavia, Google non approverà necessariamente ogni richiesta. “Quando riceviamo richieste di rimozione, valuteremo tutti i contenuti della pagina web per assicurarci di non limitare la disponibilità di altre informazioni ampiamente utili, ad esempio negli articoli di notizie“, ha affermato la società. “Valuteremo anche se il contenuto appare come parte del registro pubblico sui siti del governo o di fonti ufficiali. In questi casi, non effettueremo rimozioni.”

FONTEfonearena
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it