dji-interrompe-vendite-russia-ucraina-impedire-utilizzo-combattimento

DJI ha temporaneamente interrotto le vendite e altre attività commerciali in Russia e Ucraina ‘alla luce dei conflitti in corso’, secondo il produttore di droni. Secondo Reuters, questo la rende la prima grande azienda cinese a sospendere le vendite in Russia da quando il paese ha lanciato l’invasione dell’Ucraina a febbraio. A differenza delle loro controparti occidentali, la maggior parte delle imprese cinesi ha scelto di rimanere nella nazione.

Una portavoce di DJI ha detto a Reuters che ritirandosi dalla Russia e dall’Ucraina, la società sta facendo una dichiarazione sui suoi principi, non su un paese in particolare. ‘DJI detesta qualsiasi uso dei nostri droni per causare danni e stiamo temporaneamente vietando le vendite in alcune nazioni per garantire che nessuno usi i nostri droni in guerra’, ha detto al notiziario una portavoce dell’azienda.

DJI vuole tenersi a distanza da qualsiasi causa di danni

Questa mossa arriva solo un mese dopo che il legislatore ucraino Mykhailo Fedorov ha chiesto a DJI di cessare di vendere i suoi prodotti in Russia. Il ministro della Trasformazione digitale del paese ha twittato una lettera aperta a DJI, affermando che la Russia sta utilizzando i dispositivi DJI per guidare i missili ‘per uccidere i civili’. Afferma inoltre che la Russia sta raccogliendo dati di volo con una versione ampliata dello strumento di rilevamento dei droni AeroScope di DJI.

Inoltre, dopo aver ottenuto ‘prove da numerose fonti che indicano che l’esercito russo sta utilizzando articoli e dati dal fornitore cinese di droni DJI per attività militari in Ucraina’, MediaMarkt, una rete tedesca di rivenditori che vendono elettronica in tutta Europa, ha ritirato i prodotti DJI dagli scaffali. DJI ha negato di aver fornito un aiuto attivo all’esercito russo, non solo equipaggiamento, ma anche dati di volo, e ha definito le accuse ‘assolutamente assurde’.

DJI ha rilasciato una dichiarazione qualche giorno fa condannando l’uso dei suoi beni per infliggere danni. Ha affermato di non commercializzare o vendere i suoi prodotti per uso militare e che tutti i suoi distributori hanno accettato di non vendere prodotti a clienti che ovviamente intendono utilizzarli per scopi militari. ‘Non permetteremo mai che l’uso dei nostri prodotti faccia del male e continueremo a sforzarci di migliorare il mondo attraverso il nostro lavoro’, ha affermato l’azienda.

Avatar
Appassionato di tecnologia e videogiochi. Sono uno studente di Ingegneria informatica a tempo pieno, ma ho anche altri difetti.