Arlo produce così tante telecamere di sorveglianza diverse che può essere facile confondersi. Dalle telecamere per interni molto economiche ai pacchetti completi con sorveglianza domestica in risoluzione UHD.

Oggi vi parleremo della Arlo Pro 4 Spotlight, nonostante la sua designazione pro, non è il modello di punta, ma la seconda più avanzata. Il che non è un male, dal momento che la telecamera offre videosorveglianza con risoluzione 2K all’interno e all’esterno, la possibilità di registrare nell’oscurità totale e luce LED integrata.

Design e confezione

Esternamente, l’Arlo Pro 4 è simile alle altre camere dell’azienda: un’unità curva in plastica bianca o nera lucida che può essere fissata magneticamente o con raccordi a vite, inclusi nella confezione. La somiglianza è così tale che dovete accedere all’app Arlo (o leggere la confezione) per distinguere tra Pro 4 e Ultra 2 o, se è per questo, il vecchio modello Pro 3.

Inoltre, all’interno della scatola troviamo la batteria estraibile ai polimeri di litio ed un cavo per la ricarica della stessa. Il meccanismo è molto semplice, basta premere il pulsante posto sulla parte inferiore della camera per rimuovere la parte anteriore e poter così inserire la batteria.

Il dispositivo è resistente alle intemperie, con certificazione IP65 e misura 89 mm x 52 mm x 78,4 mm, mentre l’intera camera pesa 316 grammi; Nella parte inferiore della custodia è presente una porta di ricarica magnetica e la batteria vi consente un’autonomia di circa 6 mezzi di utilizzo.

Differenze sostanziali

Laddove l’Arlo Pro 4 differisce dall’Arlo Ultra 2 un po’ più costoso, è principalmente sulla qualità video. Il modello Ultra può registrare con risoluzione 4K, mentre l’edizione Pro si accontenta di 2K. Finché non è necessario ingrandire i dettagli molto lontani, la differenza di risoluzione è un problema di lusso.

Più rilevantemente, la fotocamera Ultra ha due microfoni – e quindi la capacità di ridurre elettronicamente il rumore del vento – mentre la Pro deve accontentarsi di un solo microfono. C’è anche un solo sensore di movimento nel modello Pro invece di due. Il numero di microfoni può essere importante in alcuni luoghi, come gli angoli della casa ventosi. Se la telecamera deve essere installata all’interno di un’abitazione, questa differenza è probabilmente irrilevante.

Un punto in cui Arlo Pro 4 è in vantaggio rispetto al più costoso Ultra 2 è che può connettersi direttamente alla rete wireless domestica. Non è necessario utilizzare un hub per collegare la rete alle telecamere. Se avete bisogno di una sola telecamera di sorveglianza, questo riduce il prezzo del pacchetto. Inoltre, semplifica l’integrazione di Arlo Pro 4 in una casa intelligente con videocamere di più produttori. Se disponi già di un hub per videocamera Arlo in casa, puoi anche collegarlo ad Arlo Pro 4, se lo desideri.

Arlo Pro 4, come le altre videocamere dell’azienda, può essere controllata dall’app mobile di Arlo, utilizzata anche durante la configurazione. Ma può anche essere integrata in una casa intelligente con Google Assistant, Apple HomeKit, Amazon Alexa o Samsung SmartThings.

Spotlight e comunicazione bidirezionale

Colour Night Vision è promesso sulla confezione. Questa è una verità, ma con alcune piccole considerazioni da fare, dal momento che non filma a colori nell’oscurità totale. Quando la telecamera trasmette video da una stanza buia, lo fa in bianco e nero. Il punto in cui entra in gioco il colore è quando il sensore di movimento rileva l’attività davanti alla telecamera e accende la luce LED.

C’è un microfono e un altoparlante integrati nella fotocamera con comunicazione bidirezionale completa, quindi potete chiedere al fattorino di mettere il pacco nella casetta da giardino o ordinare al cane di alzarsi dal tappetino quando siete stati avvisati tramite il vostro smartphone che è stato rilevato rispettivamente un pacco o un animale. Inoltre, la camera ha anche una sirena incorporata per spaventare i ladri.

Nella sezione impostazione dell’app, saremo in grado di modificare i settings video (HDR, luminosità), abilitare il ridimensionamento automatico, il monitoraggio e la visione notturna a colori, abilitare/disabilitare i riflettori e selezionare le modalità video (wide, standard, full).

Nel complesso, sia la configurazione dell’app che il suo utilizzo è stata davvero semplice e facile d’intuito.

In cosa consiste l’abbonamento ad Arlo

La capacità di identificare persone, animali, veicoli e pacchi non è automaticamente presente. Per filtrare i movimenti rilevanti davanti alla telecamera da quelli irrilevanti, dovete abbonarvi ad Arlo. Come utente “gratuito”, riceverete notifiche in tempo reale nell’app quando viene rilevato qualcosa. Potete guardare un video dal vivo, ma il video non viene archiviato nel cloud come prova.

 

 

 

In pratica, ciò significa che un abbonamento è consigliato affinché possiate sfruttare tutte queste funzioni di Arlo Pro 4. L’accesso allo spazio di archiviazione online per una camera costa € 2,99 al mese. Se hai più di una camera, costa 9,99 € al mese per l’archiviazione online fino a 30 giorni con qualità video 2K. Indipendentemente dal numero di telecamere. L’acquisto include una prova gratuita di tre mesi dell’abbonamento.

L’app di Arlo ha una funzionalità chiamata Geofencing che attiva le telecamere quando il proprietario esce di casa, ovvero quando il cellulare viene rimosso dall’indirizzo. E le spegne di nuovo quando arrivate a casa. Potete registrare più dispositivi mobili in modo che le telecamere siano attive solo se tutti i residenti sono fuori.

Conclusione prezzi

Arlo Pro 4 non è una telecamera di sorveglianza economica, ma la qualità e le caratteristiche corrispondono al prezzo. Grazie alla possibilità di collegare la videocamera direttamente al Wi-Fi senza un hub di connessione, può anche essere una buona videocamera di partenza per coloro che vogliono iniziare a monitorare l’ambiente circostante.

La qualità video di 2K con spazio colore HDR offre una qualità dell’immagine superiore a quella della maggior parte dei modelli sul mercato. Se desideri una qualità dell’immagine ancora maggiore, puoi prendere in considerazione Arlo Ultra 2, ma non solo la risoluzione, ma anche il prezzo per camera sarà più alto.

Stefano Germinal
3D artist e videomaker grande amante del cinema e della tecnologia. Predilige i film fantasy, sci-fi, horror e d'animazione. Ha un cuore nerd, mai togliergli i suoi anime e le serate in fumetteria il mercoledì sera.