mail scam

Postepay risulta essere uno dei servizi telematici più utilizzati in Italia, sia per la diffusione degli uffici postali ma anche per l’impronta sempre sociale che l’azienda Postepay Spa rappresenta ormai da diversi anni.

La società per azioni in questione, gestisce i prodotti ed i servizi relativi alle carte prepagate e ai servizi PosteMobile, ovvero i servizi di telefonia mobile di proprietà di Poste Italiane.

Ad oggi oltre il 35% degli acquisti online di beni e servizi viene effettuato con una carta Postepay, che gode di uno status piuttosto elevato pur non essendo esente da vizi di sorta.

Il motivo principale è legato alla già citata diffusione degli uffici postali, utilizzati per la distribuzione oltre che per la ricarica del contante ma anche all’estrema facilità di utilizzo, soprattutto in virtù di una sempre più importante integrazione con l’app ufficiale di Postepay.

Ecco la truffa

Poste Italiane, pur prestando particolare attenzione alla tutela dei propri clienti, continua a dover “fare i conti” con un numero di clienti sempre piuttosto elevato e vittime di frodi online.

Si tratta dell’ennesima e tuttora attualissima forma di inganno attraverso il Phishing, ovvero un messaggio o una notifica che “simula” comunicazioni ufficiali in modo più o meno convincente, con l’obiettivo di convincere la vittima ad avere accesso ai dati personali. Una delle forme più recenti di questo tipo di truffa prevede l’invio di un messaggio come il seguente:

Caro cliente,

La informiamo che gli accessi e le funzioni del suo conto Postepay Poste Italiane sono stati temporaneamente disabilitati.

Questa misura è stata adottata perché hai ignorato la nostra precedente richiesta di eseguire la verifica obbligatoria del tuo profilo di Online Banking.

Prima di riabilitare l’utilizzo della tua carta, abbiamo bisogno che tu confermi la tua identità compilando una serie di dati già inseriti nel nostro sito al momento della tua registrazione al portale Intesa.

Ti invitiamo a cliccare sul pulsante seguente e seguire le istruzioni.

Di solito c’è un link sotto, che porta a una pagina “falsa”. È assolutamente necessario non aprire nessun tipo di collegamento per evitare il furto di dati.

Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it