guerra-nucleareNon c’è alcun motivo che sussiste quando si parla di una possibile guerra nucleare, oltre che al fantomatico bisogno di ricorrere a delle pillole di iodio. Tuttavia, è sicuramente lecito domandarsi cosa potrebbe succedere se il conflitto tra Russia e Ucraina dovesse allargarsi e buttare nella mischia anche i Paesi che fanno parte della Nato.

Lavrov, Ministro degli Esteri russo, ha spiegato molto chiaramente che una possibile guerra tra Russia e Occidente sarebbe un vero e proprio conflitto nucleare. Il programma Science and Global Security (SGS) dell’Università di Princeton ha effettuato una simulazione, analizzando tutti i possibili effetti di un eventuale conflitto di questa portata.

La ricerca che abbiamo menzionato risale a più di due anni fa; tuttavia, i mass media statunitensi stanno incominciando ora a parlare insistentemente di questa “notizia” in seguito all’invasione russa in terra ucraina.

 

Guerra nucleare divisa in tre fasi: gli scenari sarebbero tragici

La simulazione prende il nome di Plan A ed è utile a stabilire come sarebbe scatenare una guerra nucleare, dove verrebbero utilizzate le armi e quanto sarebbe ampia la devastazione. Il risultato non è di certo rassicurante: 90 milioni di morti e altrettanti feriti gravi in pochissime ore. Anche solo una sorta di “avvertimento” potrebbe portare a milioni di vite spezzate.

Il conflitto è stato diviso in tre fasi:

Durante la prima fase, la Russia tenterebbe di radere al suolo tutte le basi Nato in Europa mediante l’uso di 300 armi nucleari. L’Alleanza Atlantica ricorrerebbe anch’essa alla stessa soluzione con 180 delle proprie. Il risultato sarebbe 2,6 milioni di morti entro le prime tre ore.

La seconda fase, detta anche “Counterforce Plan” prevede una grande parte di forze militari europee distrutte, con gli USA obbligati a inviare 600 missili contro la Russia. Il risultato della fase 2? 3,4 milioni di morti in 45 minuti.

Infine, c’è la terza fase, chiamata “Countervalue Plan” con ben 30 città di rilievo e centri economici più densi ad essere colpiti da cinque a dieci testate nucleari. Il risultato finale sarebbe di 85,3 milioni di morti in meno di un’ora.

Christian Savino
Christian, 24 anni. Appassionato di tecnologia e musica da sempre. Autore per TecnoAndroid dal 2019.