Instagram: l'app vuole condurre gli adolescenti verso i disordini alimentari?

In una società in cui regnano foto ultra modificate basate fondamentalmente sul ritocco di seno, lato b, labbra, naso e “peso”, cadere nella convinzione che quelli siano gli ideali di perfezione è molto semplice. Secondo Fairplay (organizzazione no-profit per la tutela dell’infanzia), il social Instagram poi non sembra essere tanto di aiuto, anzi promuoverebbe e trarrebbe profitto da contenuti che elogiano i disordini alimentari.

Instagram: le accuse di Fairplay

Il documento spiega in 21 pagine come l’algoritmo che regola il funzionamento di Instagram e che decide quali foto, post e video consigliare agli utenti tenda a creare delle vere e proprie “bolle”.

Nel rapporto si legge: «Questa bolla è innegabilmente dannosa. Gli algoritmi stanno profilando bambini e adolescenti per servire loro immagini, meme e video che incoraggiano diete restrittive e perdita di peso estrema».

«Rapporti come questo – ha poi affermato un portavoce di Meta – spesso fraintendono che rimuovere completamente i contenuti relativi ai viaggi delle persone con disturbi alimentari o che stanno provando a uscirne può esacerbare i momenti difficili e tagliare le persone fuori dalla comunità».

Fairplay ha stimato che Meta faccia 227,9 milioni di dollari ogni anno dagli utenti che cadono in questo vortice, anche se si tratta di stime piuttosto imprecise visto che la società non condivide informazioni sul guadagno degli utenti Instagram.

Ma non è la prima volta che accade. Qualche mese fa era stato il Wall Street Journal che, con un’inchiesta basata sulle ricerche interne fatte dalla stessa Facebook, aveva dimostrato che l’azienda fosse consapevole dei danni causati dalla sua piattaforma agli utenti più giovani, le ragazze in particolare.
Avatar
La scrittura rende liberi ed io amo la libertà come la fotografia, l'arte, la natura e la pace. Scrivo poesie da quando ero bambina e in ogni cosa che faccio metto cuore ed anima. Sono una perfezionista, ballerina, attrice, make up artist, e cerco la bellezza in tutto ciò che mi circonda.