nokia russia

Nokia si sta ritirando dal mercato russo, ha detto il suo CEO a Reuters, facendo un passo avanti rispetto alla rivale Ericsson, che lunedì ha dichiarato di sospendere a tempo indeterminato le sue attività nel paese.

Centinaia di compagnie straniere stanno tagliando i legami con la Russia dopo l’invasione dell’Ucraina del 24 febbraio e dopo le sanzioni occidentali contro Mosca.

Sebbene diversi settori, comprese le telecomunicazioni, siano stati esentati da alcune sanzioni per motivi umanitari o correlati, Nokia ha affermato di aver deciso che lasciare la Russia fosse l’unica opzione.

Semplicemente non vediamo alcuna possibilità di continuare nel paese nelle circostanze attuali“, ha detto il CEO Pekka Lundmark in un’intervista.

Ha aggiunto che Nokia continuerà a supportare i clienti durante la sua uscita e non è stato possibile dire in questa fase quanto tempo ci vorrà per il ritiro.

Inoltre sta richiedendo le licenze pertinenti per supportare i clienti nel rispetto delle sanzioni attuali, ha affermato in una nota.

Sia Nokia che Ericsson hanno realizzato una bassa percentuale di vendite in Russia, dove aziende cinesi come Huawei e ZTE hanno una quota maggiore.

Molte persone sono state lasciate a casa

Per questo la società non prevede che questa decisione avrà un impatto sulle sue prospettive per il 2022, ma ha affermato che porterebbe a un accantonamento nel primo trimestre di circa 100 milioni di euro (109 milioni di dollari).

La Russia è inoltre ai ferri corti con Finlandia e Svezia, rispettivamente i paesi di origine di Nokia ed Ericsson, per il loro interesse ad aderire all’alleanza militare della NATO.

La Russia aveva anche spinto le aziende a iniziare a costruire reti utilizzando solo apparecchiature russe, cercando di convincere Nokia ed Ericsson a creare fabbriche nel paese.

Lundmark ha affermato che Nokia non attuerà un piano annunciato a novembre per creare una joint venture con la russa YADRO per costruire stazioni base per telecomunicazioni 4G e 5G.

La decisione di lasciare la Russia riguarderà circa 2.000 lavoratori e ad alcuni di loro potrebbe essere offerto un lavoro in altre parti del mondo, ha affermato Lundmark.

“Molto dovrebbe cambiare prima che sia possibile prendere in considerazione la possibilità di fare nuovamente affari nel paese“, ha affermato Lundmark.

Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it