prodotti falsi cina commercio online

L’aumento delle piattaforme online per l’acquisto e la vendita di merci ha alimentato un rapido aumento della merce contraffatta venduta in tutto il mondo, il cui valore ha raggiunto 590 miliardi all’anno, secondo un rapporto.

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) e l’Ufficio per la proprietà intellettuale dell’Unione europea (EUIPO) hanno rilevato che i beni illeciti, dalle borse firmate agli orologi di lusso, rappresentavano fino al 3,3% del commercio internazionale totale nel 2016, rispetto ai 461 miliardi nel 2013.

L’impennata, identificata utilizzando gli ultimi dati disponibili sui sequestri doganali dell’UE e di diverse altre forze di frontiera in tutto il mondo, è arrivata anche quando i volumi del commercio globale sono diminuiti nello stesso periodo, suggerendo una rapida escalation nel commercio di merci contraffatte.

I funzionari doganali hanno notato che i falsi importati più frequentemente sequestrati erano articoli di calzature, seguiti da abbigliamento, pelletteria e apparecchiature informatiche.

La Cina il paese sopra tutti

Altri oggetti sequestrati includevano chitarre contraffatte, gioielli, prodotti farmaceutici, prodotti chimici, pezzi di ricambio, orologi di lusso, cibo e bevande e attrezzature mediche.

Ha anche affermato che c’è stato un “aumento drammatico del numero di pacchi che attraversano i confini” poiché la vendita di merci contraffatte è passata dalle consegne sfuse su strada, via aerea e marittima a pacchi più piccoli.

Il rapporto ha individuato la Cina come il più grande paese di origine di merci contraffatte e al centro di una complessa rete di altri paesi utilizzati per la spedizione di merci illecite. Anche India, Malesia, Pakistan, Thailandia, Turchia e Vietnam sono state identificate come principali fonti di merci illecite, sebbene notevolmente indietro rispetto alla Cina.

La Cina era il primo produttore di merci contraffatte in nove categorie su 10, inclusa la categoria più popolare, le calzature, dove fino al 27% di tutte le merci sequestrate potrebbe essere ricondotto al Paese, secondo il rapporto.

Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it