gas carburante

Quando sono emerse le immagini scioccanti di fosse comuni e strade disseminate di cadaveri in Ucraina, la pressione è cresciuta per imporre severe sanzioni alla Russia.

Le immagini e le notizie orribili hanno scioccato i leader europei al punto che il ministro della Difesa tedesco Christine Lambrecht ha affermato domenica che l’Unione Europea deve discutere il divieto dell’importazione di gas russo.

Tuttavia, raramente è così semplice. Delineando l’ultimo pacchetto di sanzioni martedì, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato che l’Unione europea non vieterà per ora le importazioni di petrolio russo.

Invece, l’UE ha optato per la via più facile di un divieto di importazione di carbone e un divieto alle navi e agli operatori stradali russi. Inoltre, ci saranno anche sanzioni più severe su quattro banche russe, che saranno totalmente tagliate fuori dai mercati. In una grande scappatoia, tuttavia, nelle sanzioni annunciate martedì, le navi russe nel settore energetico sono esentate dal divieto.

Un ostacolo dopo l’altro

Oltre alle sanzioni contro Mosca, l’altro ostacolo all’approvvigionamento di gas dalla regione per l’UE sono i gasdotti che vanno dalla Russia ai paesi dell’UE che attraversano la zona di conflitto in Ucraina.

Dei 155 miliardi di metri cubi di gas che i paesi europei ottengono dalla Russia ogni anno, 140 miliardi arrivano attraverso gasdotti che attraversano l’Ucraina, la Polonia e sotto il Mar Baltico.

Sebbene gli sforzi possano e vengano compiuti per ottenere forniture aggiuntive di gas naturale liquefatto (GNL) dalle navi, non possono compensare la perdita di non avere la fornitura attraverso i gasdotti. Inoltre, il GNL è molto più costoso e si aggiunge all’onere del costo finale per il consumatore europeo.

Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it