IPTV: la pay TV con Sky e DAZN illegali finisce qui, beccati in mezzo milione

Ci sono importanti appuntamenti per tutti gli appassionati di calcio nel corso di questa primavera. La prossima fine della stagione per il campionato e per la Champions League spinge i tifosi ad affidarsi ancora una volta alla tecnologia dello streaming IPTV per non perdere nemmeno una partita e per pagare un costo irrisorio.

 

IPTV, quanti rischi per la Serie A in streaming gratuito

Lo streaming illegale rappresenta quella soluzione ideale per gli italiani che desiderano non pagare un regolare ticket con Sky, DAZN e Amazon Prime Video. Il beneficio dei risparmi però deve essere bilanciato con le possibili sanzioni.

Gli italiani che scelgono il pezzotto e l’IPTV si espongono ad una possibile multa il cui valore arriva sino a 30mila euro. Per quanto riguarda i casi di recidiva è anche predisposta la reclusione dai sei mesi a tre anni.

Le truffe sono un fattore ulteriore da tenere sempre in considerazione. Gli italiani che decidono di attivare l’IPTV possono incorrere anche in inganni su Telegram e su WhatsApp. Le chat di messaggistica sono piene di pseudo annunci per il pezzotto: molti utenti dopo aver pagare il corrispettivo di un abbonamento annuale all’IPTV si ritrovano senza alcun servizio in cambio.

La scelta dello streaming illegale IPTV è vincolata anche ai canali VPN. Di per sé, la tecnologia è legale e rappresenta uno strumento consigliassimo e facile da usare per qualsiasi utente per navigare protetti in rete, e che se usato con i più noti servizi di streaming (Netflix, Amazon Prime Video) da accesso a cataloghi più vasti. NordVPN, la migliore VPN attualmente in rete, offre un ottimo servizio ed è in offerta con un prezzo scontatissimo.

GennaroS
Giornalista pubblicista dal 2014, collaboratore di TecnoAndroid dal 2016. Le mie passioni nel tempo libero: l'Inter, Napoli, Roger Federer, Game Of Thrones, tutto ciò che è buona musica, viaggiare, viaggiare e ancora viaggiare.