Esselunga: allarme truffa, ma c'è un dettaglio che non passa inosservato

Da qualche giorno si sta diffondendo su Whatsapp uno strano messaggio a nome di Esselunga che apparentemente può sembrare innocuo. Esso promette un buono spesa da 500 euro per festeggiare il compleanno della grande catena. È affidabile? Ma certo… CHE NO!

Esselunga: come riconoscere la truffa dell’sms?

Iniziamo col dire che la truffa che coinvolge la catena di supermercati italiani Esselunga è piuttosto astuta. Essa parte da un evento reale, in questo caso i 65 anni del market, dopodiché costruisce una vera e propria trappola in versione messaggio. Focus: il primo supermercato in Italia, giunse nel 1957 in viale Regina Giovanna con il nome di Supermarket. Di lì a poco nacquero altri punti vendita nel capoluogo lombardo e in tutta Italia. Oggi sono 169, divisi in 7 regioni. Li troviamo in Lombardia (102), Toscana (31), Piemonte (16), Emilia Romagna (13), Veneto (3), Liguria (2) e Lazio (2).

Tornando alla frode, il messaggio è in circolo su email, social network, WhatsApp e Telegram, ma anche sms. Come dicevamo, il più diffuso promette un buono spesa da 500 o addirittura 1.000 euro, da ricevere comodamente a casa dopo aver compilato un questionario. MA ATTENZIONE, perché una volta fatto vi verranno chiesti i dati di una carta di pagamento per coprire le spese di spedizione.

I messaggi di phishing si differenziano dagli altri per:

  • Minaccia di chiusura di un servizio online o del proprio account.
  • Promessa di premi, anche in denaro, ottenuti troppo facilmente o che hanno cifre esagerate.
  • Offerta di servizi a prezzi troppo bassi.
  • Comunicazione di vincite.
  • Richieste di donazioni a enti di beneficenza.
  • Errori ortografici e grammaticali.

Cosa fare se si finisce in una delle truffe? È bene:

  • controllare che il mittente abbia una email @esselunga.it.
  • evitare di cliccare su link che sono sequenze di numeri e lettere.
  • accertarsi che le iniziative proposte siano reali attraverso gli account ufficiali, come quello di Facebook, del marchio.
Avatar
La scrittura rende liberi ed io amo la libertà come la fotografia, l'arte, la natura e la pace. Scrivo poesie da quando ero bambina e in ogni cosa che faccio metto cuore ed anima. Sono una perfezionista, ballerina, attrice, make up artist, e cerco la bellezza in tutto ciò che mi circonda.