reattore nucleare modulare

I piccoli reattori modulari (SMR) potrebbero dare un contributo importante al raggiungimento degli obiettivi climatici globali e alla sicurezza dell’approvvigionamento energetico. Ma con oltre 70 progetti SMR in fase di sviluppo in 18 paesi, inclusi reattori innovativi che devono ancora essere autorizzati e nuovi metodi di produzione modulare che sono nuovi per l’industria nucleare, l’ampia diffusione degli SMR per affrontare il cambiamento climatico rimane un compito arduo.

Per accelerare tale processo, l’AIEA ha lanciato una nuova iniziativa che riunisce decisori politici, regolatori, progettisti, fornitori e operatori per sviluppare approcci normativi e industriali comuni agli SMR.

L’iniziativa di armonizzazione e standardizzazione nucleare (NHSI), annunciata all’inizio di questo mese dal direttore generale dell’AIEA Rafael Mariano Grossi, mira a facilitare lo spiegamento sicuro e protetto degli SMR e di altre tecnologie nucleari avanzate per massimizzare il loro contributo al raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030 e del Accordo di Parigi, compreso il raggiungimento di zero emissioni nette di carbonio entro il 2050.

Gli SMR e altre tecnologie nucleari avanzate mantengono un’immensa promessa per aiutare ad affrontare la crisi climatica“, ha affermato Grossi. “Ma se i paesi vogliono trarre pieno vantaggio dal loro potenziale per ridurre significativamente le emissioni e fornire energia affidabile, allora è necessario affrontare alcune sfide per lo spiegamento globale. Ecco di cosa tratta questa nuova iniziativa”.

Con dimensioni ridotte rispetto alle dimensioni dei grandi reattori e con costi di investimento iniziali inferiori, gli SMR sembrano destinati a espandere l’accesso globale a un’energia nucleare affidabile.

Un nuovo modo di vedere il nucleare

Sono più flessibili per l’integrazione con altre fonti di energia pulita e possono essere utilizzati anche per applicazioni non elettriche come il calore industriale e la produzione di idrogeno. Le prime unità SMR sono già schierate: a bordo di una centrale nucleare galleggiante in Russia e anche in Cina, dove gli SMR raffreddati a gas ad alta temperatura sono destinati a fornire calore a basse emissioni di carbonio per decarbonizzare i processi industriali.

Un’altra unità SMR, raffreddata ad acqua, è in una fase avanzata di costruzione in Argentina e gli Stati Uniti hanno certificato un progetto SMR conforme ai requisiti normativi di sicurezza.

Il vantaggio in termini di costi degli SMR deriva, in parte, dall’idea che i moduli prefabbricati potrebbero essere prodotti nelle fabbriche e assemblati in loco. Affinché ciò funzioni oltre confine, sono necessari standard industriali, codici e requisiti di licenza, in modo che gli stessi standard di sicurezza possano essere applicati indipendentemente dal paese di installazione. Sarà fondamentale anche un grado di armonia tra i diversi approcci normativi nazionali in materia nucleare.

Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it