russia hacker

Domenica 6 marzo potrebbero esserci stati attacchi informatici in Italia “contro enti governativi e industriali non meglio definiti”. Da quanto appreso dall’AGI, l’allarme è stato lanciato dal Csirt, il Computer Security Incident Response Team della National Cybersecurity Agency (Acn).

“Da notizie riservate si è appreso che domenica 6 marzo, potrebbero essere compiuti attacchi informatici, legati alla situazione internazionale, contro governi ed enti industriali, non meglio definiti, anche nel nostro Paese”, si legge.

“Nel ricordare la necessità di adottare tutte le misure di protezione del patrimonio informatico, in particolare quelle oggetto delle specifiche segnalazioni già emesse dall’Agenzia per la Cybersecurity, Csirt Italia, si raccomanda di prestare particolare attenzione e di comunicare ogni evidenza di attività dolosa mediante i canali di comunicazione di Csirt Italia”, prosegue il testo.

Una serie di attacchi programmati

Il 24 febbraio sono state messe offline le aziende e le persone che utilizzano router prodotti da Viasat, un’azienda americana che fornisce connessioni Internet satellitari a banda larga.

Lo stesso giorno in cui le forze armate russe si sono riversate in Ucraina, il malware wiper all’interno dei router dei clienti Viasat è stato fatto esplodere, rendendoli di fatto inutili.

L’attacco ha avuto notevoli ricadute, tra cui 5.800 turbine eoliche in Germania gestite dall’Enercon che utilizzava i router Viasat per il monitoraggio e il controllo remoti.

Viasat ha dichiarato: “Sebbene la maggior parte degli utenti non sia stata interessata dall’incidente, l’attacco informatico ha avuto un impatto su diverse migliaia di clienti in Ucraina e decine di migliaia di altri clienti fissi a banda larga in tutta Europa“.

Ora, i ricercatori della società di sicurezza informatica SentinelOne hanno valutato con media sicurezza che questo malware condivide somiglianze di sviluppo con altri strumenti informatici che gli Stati Uniti hanno attribuito al governo russo.

Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it