terra battito

Negli ultimi 260 milioni di anni, la Pangea si è divisa nei continenti e nelle isole che vediamo oggi e gli esseri umani hanno cambiato rapidamente e irreversibilmente il mondo in cui viviamo.

Un recente studio di antichi eventi geologici suggerisce che il nostro pianeta ha un “battito cardiaco” lento e costante, che si aggiorna ogni 27 milioni di anni circa.

Questo impulso di eventi geologici raggruppati, tra cui attività vulcaniche, estinzioni di massa, riorganizzazioni delle placche e innalzamento del livello del mare è incredibilmente lento, un ciclo di 27,5 milioni di anni di avvenimenti catastrofici. Ma fortunatamente per noi, il team di ricerca osserva che abbiamo altri 20 milioni di anni prima del prossimo “impulso“.

Molti geologi credono che gli eventi geologici siano casuali nel tempo“, ha affermato Michael Rampino, geologo della New York University e autore principale dello studio, in una dichiarazione del 2021.

“Ma il nostro studio fornisce prove statistiche per un ciclo comune, suggerendo che questi eventi geologici sono correlati e non casuali“.

Il team ha condotto un’analisi sull’età di 89 eventi geologici ben conosciuti degli ultimi 260 milioni di anni.

Da cosa dipendono questi battiti interni

“Questi eventi includono tempi di estinzioni marine e non marine, grandi eventi anossici oceanici, eruzioni continentali inondazioni di basalto, fluttuazioni del livello del mare, impulsi globali di magmatismo intraplacca e tempi di cambiamenti nei tassi di diffusione del fondale marino e riorganizzazioni delle placche”, la squadra ha scritto nel loro giornale.

I risultati suggeriscono che gli eventi geologici globali sono generalmente correlati e sembrano arrivare a impulsi con un ciclo sottostante di circa 27,5 milioni di anni.

I geologi stanno studiando da molto tempo un potenziale ciclo negli eventi geologici. Negli anni ’20 e ’30, gli scienziati dell’epoca avevano suggerito che la documentazione geologica avesse un ciclo di 30 milioni di anni, mentre negli anni ’80 e ’90 i ricercatori hanno utilizzato gli eventi geologici più datati dell’epoca per fornire loro una gamma di lunghezza tra ‘impulsi’ da 26,2 a 30,6 milioni di anni.

Ora, tutto sembra essere in ordine: 27,5 milioni di anni sono esattamente dove ci si aspetterebbe. Uno studio pubblicato alla fine del 2020 dagli stessi autori ha suggerito che questo traguardo di 27,5 milioni di anni è anche il momento in cui si verificano estinzioni di massa.

 

Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it