crisi chip

La guerra della Russia in Ucraina potrebbe vedere la produzione di neon, un gas fondamentale nella produzione avanzata di semiconduttori, scendere a livelli preoccupanti in un momento in cui il mondo è già alle prese con una carenza di chip.

Il neon è necessario per i laser utilizzati in un processo di produzione di chip noto come litografia, in cui le macchine intagliano modelli su minuscoli pezzi di silicio realizzati da Samsung, Intel e TSMC.

Secondo Peter Hanbury, analista di semiconduttori presso la società di ricerca Bain & Co, più della metà dei neon del mondo è prodotto da poche aziende in Ucraina.

Tali società includono Ingas con sede a Mariupol, nonché Cryoin e Iceblick, con sede a Odesa.

Le aziende non hanno risposto immediatamente a una richiesta di commento della CNBC, ma Ingas e Cryoin hanno entrambe cessato le operazioni nelle ultime settimane a causa degli attacchi delle forze russe, secondo Reuters.

Con le aziende ucraine leader a livello mondiale che hanno chiuso le loro attività, la produzione di neon è ora destinata a cadere da un dirupo mentre il conflitto si trascina.

Sulla base delle stime della società di consulenza Techcet, lo scorso anno il consumo mondiale di neon per la produzione di semiconduttori ha raggiunto circa 540 tonnellate. Dato che l’Ucraina produce oltre la metà del neon mondiale, la cifra potrebbe scendere al di sotto di 270 tonnellate nel 2022 se i produttori di neon della nazione rimarranno chiusi.

Un problema che affronteremo presto in Europa

“Tra i materiali utilizzati nella produzione di chip che potrebbero avere un impatto sulla loro fornitura dal conflitto in Ucraina, è il neon che rappresenta la maggiore sfida potenziale“, ha detto Hanbury.

La carenza globale di chip in corso ha già devastato le catene di approvvigionamento e ha portato a lunghi ritardi per prodotti come nuove auto e console di gioco come PlayStation 5.

Una potenziale carenza globale di neon ora minaccia di peggiorare le cose.

Il neon è un sottoprodotto della produzione di acciaio su larga scala. Viene prodotto in seguito alla distillazione frazionata (un processo di separazione chimica) dell’aria liquida, che è l’aria che è stata raffreddata a temperature molto basse.

“Storicamente, fino al 90% del neon per l’industria dei chip è stato prodotto come sottoprodotto della produzione di acciaio russa e successivamente perfezionato da società con sede principalmente in Ucraina”, ha affermato Hanbury, indicando aziende come Cryoin, Ingas e UMG RT.

FONTEhttps://www.cnbc.com/2022/03/25/russia-ukraine-war-laser-neon-shortage-threatens-semiconductor-industry.html
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it