Le grandi aziende come Google e Apple non si sono tirate indietro e hanno preso una posizione sul conflitto tra Russia e Ucraina, cercando a modo loro di mostrare il proprio supporto a quest’ultima. Molte aziende hanno rimosso o limitato i propri servizi in Russia, fino a interrompere la possibilità per i consumatori di acquistare determinati prodotti. Google ha recentemente deciso che non consentirà gli annunci pubblicitari che simpatizzano per la Russia. Non permetterà loro di figurare su siti Web, app o canali di alcun tipo.

Google decide di prendere nuovi provvedimenti: annunci a favore della Russia non più consentiti

Google ha annunciato all’inizio di questa settimana, riferisce Reuters, che la sua decisione di limitare le pubblicità a favore della Russia mira ad impedire la diffusione di contenuti che incitano alla violenza o negano la verità sull’invasione dell’Ucraina. Reuters ha dato un’occhiata a un’e-mail che Google ha inviato agli editori in merito alla sua decisione. L’email afferma che nessun annuncio sarà pubblicato accanto a qualsiasi media senza un controllo scrupoloso. L’azienda condanna “chi colpevolizza le vittime, affermando che l’Ucraina sta commettendo un genocidio, attacando deliberatamente i propri cittadini”.

Facebook e Instagram nel frattempo sono già stati bloccati in Russia, così come Google News. Roskomnadzor ha anche avvertito YouTube di rimuovere quelli che chiama contenuti “anti-russi”, una mossa che potrebbe facilmente essere interpretata come un avvertimento poco sottile che il sito sarà bloccato. YouTube è ancora disponibile in Russia, ma potrebbe non esserlo dopo la decisione presa da Google sugli annunci.

Avatar
Procrastinatrice cronica e allo stesso tempo perfezionista. Innamorata perdutamente delle scienze umanistiche. Nel 2017 ho iniziato a lavorare per Tecnoandroid, riscoprendo e consolidando anche la passione per la tecnologia.