spotify-sperimenta-nuovo-pulsante-gestire-canzoniSpotify non è stato il servizio ideale da utilizzare mentre sei in auto negli ultimi tempi. Non solo Car View ha smesso inaspettatamente di funzionare qualche mese fa, ma diversi ricevitori ancora in vendita in alcuni negozi hanno recentemente perso il supporto per il servizio. Ci sono finalmente delle buone notizie poiché è in arrivo una nuova interfaccia utente.

9to5Google è riuscita a dare un’occhiata alla nuova modalità auto di Spotify e, a detta di tutti, sembra un solido sostituto di Car View. La nuova modalità auto è incentrata sui pulsanti, ma questa volta si espande ben oltre lo schermo. Con questa nuova versione, Spotify riformatta l’intera app con selezioni musicali più in vista che mai. Tre schede nella parte inferiore offrono un rapido accesso ai brani in riproduzione e alla tua libreria. In questo modo, puoi scegliere una nuova playlist o un nuovo album da ascoltare senza utilizzare il layout standard dell’app.

Spotify: nuova modalità auto degna sostituta di quel che un tempo era Car View

Anche l’interfaccia utente dell’intero player è stata aggiornata. Non è la più bella che abbiate mai visto, ma corrisponde ad un buon compromesso. Spotify ha anche integrato i comandi vocali. È un buon segno per i conducenti che hanno bisogno di un’app per sostituire Android Auto. Anche se sembrava che l’azienda stesse tentando di spingere le vendite di Car Thing, più costoso e sicuramente non così indispensabile, pare che questa soluzione sia quella vincente.

La modalità auto per Spotify è attualmente in fase sperimentale con un gruppo selezionato di conducenti che ne sta testando le funzionalità. Se sei fortunato, l’app potrebbe chiederti di provare il nuovo servizio mentre sei connesso al Bluetooth della tua auto. Se non fai parte di questo gruppo sperimentale iniziale, dovrai continuare ad aspettare ancora un po’ per il lancio vero e proprio.

Avatar
Procrastinatrice cronica e allo stesso tempo perfezionista. Innamorata perdutamente delle scienze umanistiche. Nel 2017 ho iniziato a lavorare per Tecnoandroid, riscoprendo e consolidando anche la passione per la tecnologia.